JIL SANDER A PITTI UOMO 97 NEL NOME DEL MINIMALISMO

JIL SANDER A PITTI UOMO 97 NEL NOME DEL MINIMALISMO

Jil Sander sfila a Pitti Uomo 97. La Maison tedesca marca stretto il minimalismo accentuando lo stile urban

Lucie e Luke Meier sfilano a Pitti Uomo 97 con il marchio Jil Sander. Appuntamento, peraltro, attesissimo dalla stampa e dai clienti della griffe. La fatica dei due coniugi, impegnati con l’azienda fondata dall’omonima Jil nell’ottantasei dopo una breve apparizione in Dior per lei, è stata certamente ripagata dal plauso del pubblico che ha accolto con positività il loro debutto a Fortezza del Basso.

Guest designer della novantasettesima edizione di Pitti Immagine Uomo, i Meier realizzano una collezione autunno/inverno 2020-21 basata essenzialmente su linee morbide e minimali. La linea, infatti, pone l’attenzione sull’aspetto pratico del vestiario maschile senza, però, abbandonare l’estetismo dell’azienda, riconosciuto per l’alto livello sartoriale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il defilé mostra un certo interesse per i capispalla ricavati da linee rette e pure. Indumenti perfettamente geometrici, rigorosi e dalla superficie liscia, intervallati da bottoni funzionali e decorazioni di borchie arrotondate.

L’essenzialismo delle forme, cifra stilista della Maison, si ammorbidisce con fogge abbondanti che valutano l’aspetto quotidiano dell’uomo di oggi: un imprenditore, un uomo d’affari che ama vestire comodo curando anche la sua immagine.

La palette di colore, infine, tende la mano al progetto creativo di Lucie e Luke con sfumature di colore nette come il panna e il nero, per estendersi, poi, ai toni del verde petrolio, cammello e biscotto.

 

La voce Jil Sander è consultabile sull’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it

Un breve estratto.

Stilista e imprenditrice tedesca, Jil Sander è nata nel 1943 a Wesselburen, vicino ad Amburgo. Jil è metodica e creativa, riservata e determinata, fragile ma energica. In pochi anni è riuscita a costruire un vero e proprio impero, quotato in borsa nell’89. Diplomata in ingegneria tessile in Germania, all’età di 19 anni approdò a Los Angeles, dove completò gli studi e fece la sua prima esperienza come giornalista nella redazione di McCalls. Tornata ad Amburgo, divenne fashion editor per Costanze e Petra, sino ad assumere responsabilità dirigenziali. Ha lavorato con diverse aziende come stilista freelance: tra le molte, Callaghan.”

Leggi di più

 

Leggi anche

Brunello Cucinelli: urban-chic a Pitti Uomo 97

 

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>