INTERVISTA A CARLO CAPASA, LA MODA ITALIANA CRESCE

INTERVISTA A CARLO CAPASA, LA MODA ITALIANA CRESCE

Carlo Capasa: “la moda italiana cresce”. Intervista esclusiva al presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana

Conferma Capasa che la moda italiana cresce. Questo è quanto è emerso in un’intervista all’attuale Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana.

RUMORS ALLARMANTI

C’è da dire che, negli ultimi tempi, numerosi sono stati gli articoli e gli interventi che hanno dichiarato un preoccupante stallo nella crescita della moda italiana e, per questo, abbiamo sentito il bisogno di confrontarci con una voce più che autorevole.

COME CRESCE LA MODA ITALIANA?

Chiediamo quindi al Presidente Capasa: <<In che modo cresce la moda italiana?>> <<La crescita del settore si evince da più fattori che hanno determinato nel tempo una serie di cambiamenti>>.

<<Mentre si modificano i trend e le aspettative, si trasformano i consumatori e le esigenze di questi ultimi, cresce considerevolmente la fascia di mercato di alta qualità>> afferma Carlo Capasa.

I BRAND IN CRESCITA

<<In questa situazione si distinguono alcuni grandi marchi italiani che – avendo colto tempestivamente i mutamenti sociali, economici, di mercato – hanno saputo anticipare le richieste. Brand come Moncler, Prada, Dolce & Gabbana, Valentino rimangono sulla cresta dell’onda, in un momento in cui le grandi Holding straniere – come LVMH – grazie ad ingenti investimenti, hanno rafforzato le loro posizioni nel mercato.>>

<<Queste aziende italiane – ci spiega Carlo Capasa – sono state in grado di accogliere i nuovi bisogni e di strutturare, così, nuove politiche di sostenibilità: il trend che negli ultimi anni sta cambiando il concetto di moda.>> Accanto a queste aziende però, compaiono alcuni grandi nomi della moda italiana che, a primo impatto, sembrano essere in difficoltà. <<Ma non è così!>>

Se alcuni brand sono saliti velocemente sul primo trend, altri hanno iniziato un processo di ristrutturazione più a lungo termine, che porterà risultati positivi e garantiti.

I GIOVANI: I NUOVI CONSUMATORI

Ma – chiediamo – stanno cambiando le abitudini di acquisto? Capasa ci risponde che la moda italiana accresce il suo interesse tra i giovani, che diventano quindi i più forti consumatori di brand e capi firmati, di cui sembra non si possa più fare a meno.

Sembra essere tornato in voga quel desiderio di esibire, senza mezzi termini, la derivazione dei capi che si indossano quasi a volerne gridare il prezzo ad alta voce, almeno così a noi di Mam-e pare.

LA MODA ITALIANA CRESCE ALL’ESTERO

Inoltre afferma Capasa che la moda italiana cresce nei mercati esteri come la Cina. La Cina, e con lei tutto il versante asiatico, è diventato forse il mercato più importante per tutti quei brand di lusso che danno spazio ad eccentricità e colori, forme nuove e artistiche bizzarrie. Citiamo il caso di Gucci che è attualmente il brand di moda italiana che in assoluto cresce più rapidamente (nell’ultimo anno è emersa una crescita del 33% rispetto all’anno precedente). La proposta del brand, estrosa e unconventional, ha conquistato, senza dover troppo faticare, il favore della tanto ambita generazione Z.

Ma anche l’America, e in particolare la Silicon Valley, tengono alto il morale della moda italiana. Secondo quanto detto da Carlo Capasa: <<La moda italiana cresce su molti fronti ma rimane stabile nel mercato europeo, senza troppe oscillazioni, e scende invece nel mercato russo>>.

FASHION WEEKS

Chiediamo infine al Presidente della Camera della Moda di illustrarci la situazione delle Fashion Week a livello internazionale. <<Le Settimane della Moda milanese e parigina rispondono sempre molto bene, ripagando gli organizzatori con i frutti sperati>>.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Susanna Ferrari
Articoli dell'Autore / Susanna Ferrari

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>