IMPERDIBILE MOSTRA SULLE SCARPE A FIRENZE

IMPERDIBILE MOSTRA SULLE SCARPE A FIRENZE

“Ai piedi degli dei. Le calzature antiche e la loro fortuna del Novecento”, a Palazzo Pitti di Firenze una imperdibile mostra sulle scarpe

Sino al 19 aprile del 2020, presso il museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti di Firenze sarà possibile visitare un’incredibile mostra sulle scarpe.

Un percorso visivo che testimonia il rapporto tra calzatura e mondo occidentale. Una narrazione lungo i tempi che collega un lasso temporale lontano, dall’antichità ai giorni nostri, rendendolo atemporale ai nostri occhi.

I calzari romani diventano retorici se accostati accanto alle scarpe firmate da Celine; eppure, “Ai piedi degli dei” diventa un’esposizione intuitiva che lega, con un fil rouge, l’antico e il nuovo mondo.

La pelle avvolge il piede. Tipica calzatura pero.

I calzari dell’aristocrazia romana, cenni storici

Presso i Romani le calzature erano talmente importanti che per le strade di Roma vi erano diverse botteghe di caligai (i calzolai).

Si distinguono tre tipologie di calzature: i sandali (sandalia o soleae), le ciabatte (socci) e le “scarpe” (calcei).

Il sandalo alato di Ferragamo

Sotto la toga si indossavano i calcei che si distinguevano in calceus patricius e calceus senatorius.

Il primo era realizzato con quattro strisce di cuoio e chiuso da una striscia di pelle (ligula) ornata da una fibula d’avorio (lunula). Il secondo era simile al primo ma in cuoio nero anziché rosso.

Altre tipologie di calzature erano il pero (pelle non conciata e avvolta al piede), la caliga (di uso militare) e la sculponea (zoccolo in legno usati da ceti meno abbienti come schiavi e contadini).

Le calzature femminili erano simili a quelle maschili ma si differenziavano per l’uso di pellame più morbido.

Ai piedi degli dei, la mostra sulle scarpe a Firenze

mostra sulle scarpe a firenze
Sandalo con zeppa effetto scultura

La mostra sulle scarpe a Firenze raccoglie a sé fonti storiche di caratura storico-culturale.

L’impianto espositivo, infatti, vede protagoniste circa ottanta opere, alcune di queste giunte da musei internazionali come il Louvre.

Il cinema, inoltre, è coinvolto in questa incredibile mostra curata da Lorenza Carin, Caterina Chiarelli e Fabrizio Paolucci.

È possibile ammirare, infatti, le calzature realizzate da Pompei Shoes, manifattura italiana che ha prodotto alcuni film cult di genere come Cleopatra, Quo Vadis, Ben Hur e Il Gladiatore.

Il monto antico a confronto con la civiltà contemporanea.

Sandalo alla schiava by Yves Saint Laurent

La Roma Antica e la civiltà greca sono messe a confronto con il mondo contemporaneo. Con griffe, invero, che si sono ispirate alle scarpe appartenute ai popoli passati come: Genny, Richard Tyler, Celine, Donna Karan e Renè Caovilla.

 

MUSEO DEGLI UFFIZI come arrivare 

 

Leggi anche

La festa del Paradiso di Leonardo da Vinci al Castello Sforzesco 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>