,

IMITATIO VITAE, GUCCI PRESENTA IL LIBRO DI CICOGNA

IMITATIO VITAE, GUCCI PRESENTA IL LIBRO DI CICOGNA

Marina Cicogna svela le meraviglie nascoste del Palazzo Ducale di Venezia con il libro Imitatio Vitae, presentato da Gucci

Imitatio Vitae interpella un passato sepolto. Una ricchezza culturale che rischiava di rimanere celata nei meandri di Palazzo Ducale.

L’indagine della straordinaria produttrice cinematografica, sceneggiatrice e fotografa, incontra la passione di Alessandro Michele per l’arte. Il risultato è una divulgazione artistica, dell’antico, che parla, però, un linguaggio contemporaneo.

I capitelli marciani sono tra i protagonisti del libro

La copertina di Imitatio Vitae chiusa in box elegante

Palazzo Ducale di Venezia è la sede dell’Antico Governo della Serenissima Repubblica. Dimora del Doge e sede delle Magistrature di Stato e del Palazzo di Giustizia.

Un vero capolavoro architettonico di gusto gotico veneziano. I lavori per edificare l’imponente struttura iniziano nel 1300 ma si concludono solo un secolo più avanti.

La magistrale facciata dell’edificio, che si sviluppa su due ordini di arcate, presenta un ricco apparato iconografico realizzato da scalpellini anonimi.

Tra i vari fregi è possibile ammirare capitelli scolpiti con precisione e che raffigurano suggestive figure.

I tajapierie (gli scalpellini n.d.r.) affrontano anni di duro e intenso lavoro ma le loro fatiche ripagano la straordinaria cultura veneziana.

Il contributo di Franco Neri

I leoni marciani sono la rappresentazione simbolica dell’evangelista Marco che s’incarna nelle vesti di un leone alato.

Negli anni, questa figura diventa simbolo della città di Venezia restituendo, ai capitelli marciani, un valore storico e culturale. Essi, infatti, sono raffigurati anche sui gonfaloni, sulle monete, sulle bandiere navali, su stemmi e statue.

Questi capolavori del gotico italiano, conservati da oltre un secolo lontano da occhi indiscreti all’interno del palazzo, oggi ritornano alla memoria con Con Imitatio Vitae. Il libro presenta un ricco apparato iconografico prelevato dall’archivio Cameraphoto Arte.

Marina Cicogna, inoltre, scatta personalmente alcune immagini arricchendo, lodevolmente, l’impianto visivo del manuale.

Tra le pagine, inoltre, è possibile ammirare cesti di frutta e animali, putti e scene d’amore, rapporti coniugali e gruppi di famiglia, cosmologia e case astrologiche. Vivida è, dunque, la cultura Trecentesca.

Il contributo dei più importanti artisti italiani ed internazionali per Imitatio Vitae

A commentare le immagini: Marina Abramovic, Urbano Barberini, Liliana Cavani, Saverio Costanzo, Paolo Di Paolo, Ginevra Elkann, Rupert Everett, Pierfrancesco Favino, Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, Diane von Füstenberg, Valeria Golino, Andrea Griminelli, Salma Hayek, Jeremy Irons, Marie Christine Princess Michael of Kent, Dacia Maraini, Paolo Mereghetti, Alessandro Michele, Franco Nero, Martin Parr, Pier Luigi Pizzi, Vanessa Redgrave, Giuseppe Tornatore, Valentino, Ornella Vanoni, Lina Wertmuller.

Nel Trecento, lettura e scrittura erano privilegio di pochi. Dimentichiamo poi fotografia, o cinema;”, commenta Marina Cicogna nella sua introduzione, “e pensiamo piuttosto che questi artigiani potevano raccontare animali, guerrieri, dame, segni zodiacali, uomini di altre culture e religioni, ma anche ceste di fiori, frutta, verdura, lavorando semplicemente una pietra. Come non restare estasiati?

Imitatio Vitae, edito dalla casa editrice veneziana Marsilio, sarà disponibile nelle librerie italiane a partire da metà settembre 2019. Gli store esteri, invece, dovranno attendere febbraio 2020.

Leggi anche

Primo Levi, citazioni del grande scrittore neorealista

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>