Il Prometeo di Capucci in anteprima mondiale a Spoleto

Il Prometeo di Capucci in anteprima mondiale a Spoleto

IL MAESTRO DELLA MODA ITALIANA, ROBERTO CAPUCCI, IN SCENA A SPOLETO CON “LE CREATURE DI PROMETEO / LE CREATURE DI CAPUCCI”

In splendida forma Roberto Capucci che, a quasi novant’anni (lo stilista è nato il 2 dicembre 1930 a Roma) torna con uno dei suoi grandi amori, il teatro, con la prima de “Le Creature di Prometeo / Le creature di Capucci”. L’appuntamento è fissato per il prossimo 28 agosto, a Spoleto.

Sketch costume di scena di Prometeo, disegnato da Capucci

Capucci è una delle firme più rappresentative del Made in Italy: creatività nata sotto la grazia del Creato. Sempre elegante, attenta e fulgida.

La voce Capucci è consultabile sull’Encilopedia della Moda di MAM-e.it

Roberto è la luce, lo splendore degli anni Cinquanta e delle decadi a venire. È tra gli antesignani della moda italiana, tra i primi assieme a Jole Veneziani, Sartoria AntonelliGermana Marucelli, a sfilare  nella sala Bianca di Palazzo Pitti, nel 1952.

Re incontrastato del plissé, mano severa di abiti architettonici, sapiente dosatore del color block, il sarto italiano riceve anche i complimenti del dittatore garbato della moda, Christian Dior. Il couturier francese, infatti, elogia le sue doti artistiche, sostenendo che egli era il miglior creatore della moda italiana.

Abito scultura, plissettato, realizzato dal maestro Capucci

“Le Creature di Prometeo / Le creature di Capucci” a Spoleto

Il creatore di moda presenta, a Spoleto, 15 creazioni da lui chiamate “follie“. Per la partitura di Beethoven (quest’anno ricorre il 250° anniversario dalla sua nascita), lo stilista firma una coproduzione con Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova e Festival dei Due Mondi a cura di Daniele Cipriani. I costumi di scena, realizzati dal designer sono colorati, intrecciati di fili dorati, strutturalmente complessi. Egli, come sottolineato, non si ispira a Beethoven (che per sua ammissione conosce ben poco), ma alla natura, ai colori dei fiori e alle piante: fonti di ispirazioni che hanno trovato linfa vitale in ogni sua primaria collezione.

 

Leggi anche

Lenta ripresa del lusso: deboli segnali di ottimismo

 

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>