Harry Styles, icona del gender fluid. É sua la copertina di Vogue

Harry Styles, icona del gender fluid. É sua la copertina di Vogue

Harry Styles nella copertina di Vogue America di Dicembre. Continua il cammino della moda verso il gender fluid

Harry Styles
Harry Styles per Vogue

Harry Styles icona del gender fluid. Primo uomo, nei 128 anni di storia di Vogue America, ad avere una copertina interamente dedicata a lui. Le foto di  Tyler Mitchell espongono un messaggio chiaro: continua l’ennesima battaglia sposata dalla moda, quella del gender fluid. Il rifiuto della costruzione binaria del genere. Ogni volta che metti le barriere nella tua vita, ti stai limitando. Così parla la giovane star, 26 anni, carriera avviata nel mondo della musica con un probabile terzo album in uscita, protagonista della miniserie creata da Alessandro Michele per la presentazione della sua nuova collezione. É proprio il direttore creativo di Gucci ad aver disegnato gli abiti per il servizio, e a definire Harry come l’uomo rappresentate della nuova era. L’ex One Direction  altre volte ha supportato questa battaglia. Era il Met Gala 2019 quando, affiancato sempre da Michele, si è presentato con un look significativo: tuta nera con camicia trasparente di organza nera ornata da pizzi e volant, il tutto accompagnato da un orecchino di perla a goccia.

Harry Styles
Harry Styles e Alessandro Michele

 

Non solo Harry Style con Gucci

Gucci è stato il primo, fin dal 2015, ad abbracciare e farsi portavoce di questo messaggio. Ora però sono tanti i brand che hanno presentato collezioni che superano il concetto di genere. Anche Nicolas Ghesquièredirettore creativo di Louis Vuitton, ha proposto per la collezione Spring/Summer 2021 abiti dal taglio ibrido, che descrivono una generazione che non si definisce in base alla propria identità di genere. Una moda che non vuole ispirare, ma affrontare un tema urgente della realtà sociale.  Anche i brand del fast fashion hanno provato già da qualche anno a sposare questo messaggio. Nel 2016 Zara, colosso del fast fashion, aveva lanciato una collezione Ungendered, capi neutri pensati per lui e per lei. Lo stesso Asos, è-tailer britannico, ha proposto una collezione unisex chiamata ‘Collusion’. Non mancano le polemiche: dopo la pubblicazione della copertina di Vogue, Candace Owens, autrice e attivista pro-Trump ha twittato il suo disappunto al grido di ‘Ridateci i maschi macho’.

 Le battaglie della moda

La moda si è sempre impegnata per le tematiche sociali, diventando media per la trasmissione di messaggi che la realtà contemporanea richiede. L’emancipazione femminile, la liberazione nelle prime decadi del ‘900 del corpo femminile, intrappolato nella scomodità dei bustini e delle gonne lunghe. Il Power Dress di Giorgio Armani degli ’80, quando eserciti di donne manager  indossavano il Business Suite. La donna che acquisisce potere facendo proprio il guardaroba maschile. Ma ora si guarda oltre, verso il superamento definitivo della divisione binaria di genere. Non esistono più schemi e divisioni, non è più il genere che definisce l’identità di una persona.

Armani Power Dress
Armani Power Dress

In Italia-Achille Lauro

In Italia il simbolo di questo movimento è il cantante Achille Lauro. Dalle mise sfoggiate a Sanremo alla copertina del suo ultimo lavoro. L’artista romano non vuole essere categorizzato ne nella vita privata e tantomeno nella musica.

Harry Styles
Achille Lauro a Sanremo

Leggi anche

GucciFest: è iniziato. Uscita ieri la prima puntata

Achille Lauro da Ken a Barbie: nuovo album e rivoluzione fluida

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Redazione MAM-E
Meet the author / Redazione MAM-E

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>