GUCCI ALTA GIOIELLERIA, SUPERBO HORTUS DELICIARUM

GUCCI ALTA GIOIELLERIA, SUPERBO HORTUS DELICIARUM

La “simmetria discordante” di Michele nell’Alta Gioielleria di Gucci

A Place Vendôme, la boutique Gucci Alta Gioielleria interpreta la creatività di Alessandro Michele tra gemme preziose e ricami prestigiosi.

L’azienda italiana, sceglie Parigi per il suo debutto nell’haute joaillerie: duecento gioielli (quasi esclusivamente pezzi unici) ispirati al tema del giardino.

Hortus Deliciarum è, secondo Alessandro Michele, una “simmetria discordante” che mette in risalto la gemma preziosa, incastonata in maniera discrepante al fine di incarnare la spiritualità dell’imperfezione.

Alta gioielleria con gemme preziose di altissima qualità

La collezione è suddivisa in tre tematiche. L’argomento classico dell’amore eterno, l’ode alla maestà del regno animale – evocando mitici bestiari e fauna antica – e i solitari ridefiniti con un’allure massimalista.

Ad accogliere queste finissime creazioni, uno spazio curato in maniera certosina con vetrine in legno ebanizzato, rivestite internamente in raso verde acqua.

Gli interni sono espressione unica dell’ingegno di Michele, da sempre interessato al mondo classico e al suo generoso apparato iconografico.

Come i dettagli in ottone, ad esempio, oppure il pavimento a mosaico monocromatico in marmo Nero Marquina e Bianco Thassos.

L’allestimento è stato pensato per dare massimo risalto alla vivacità multicolore dei gioielli stessi.

In Hortus Deliciarum, le gemme colorate evocano un giardino mitico in piena fioritura, la cui gamma cromatica include topazi imperiali color miele, topazi rosati, tormaline verdi, granati mandarino, diamanti bianchi, zaffiri rosa e blu, opali iridescenti e berilli gialli.

Interni della boutique in 16 Place Vendôme

Le certificazioni di Gucci Alta Gioielleria

Gucci certifica che tutto l’oro acquisito, in data novembre 2015, è certificato con lo schema del Responsible Jewellery Council Chain of Custody. Ciò permette di identificare la provenienza e garantire un approvvigionamento responsabile.

L’acquisto dell’oro si integra nel “Kering Responsible Gold Framework“, un accordo che consente di tracciare e di acquisire in modo responsabile l’oro.

L’accordo permette di sostenere finanziariamente le piccole miniere estrattive e su scala artigianale (Artisanal and Small-Scale Mining – ASM) attraverso un fondo dedicato. Il premio, attrinuito al Kering Gold Fund sarà investito in progetti sostenibili dedicati alle ASM (Artisanal Small-Scale Mining) con certificazione Fairmined e/o Fairtrade, o alle comunità delle ASM che lavorano in miniere estrattive responsabili.

Inoltre, Maison Gucci collabora con i partner del settore. Il premio è attribuito al Kering Gold Fund per essere investito in progetti sostenibili dedicati alle ASM (Artisanal Small-Scale Mining) con certificazione Fairmined e/o Fairtrade, o alle comunità delle ASM che lavorano in miniere estrattive responsabili.

Oltre a ciò, l’azienda collabora anche con il Responsible Jewelry Council (RJC) per migliorare la tracciabilità dell’approvvigionamento di diamanti. 

Infine, tutti i diamanti acquistati dal marchio provengono da fonti legali certificate dal Kimberley Process. Il un programma si prefigge la missione di impedire l’ingresso nel mercato dei cosiddetti diamanti “insanguinati”.

Leggi anche

Imperdibile mostra al Castello del Buonconsiglio

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>