GIVENCHY UOMO, CONCRETEZZA ALLA PFW 2020

GIVENCHY UOMO, CONCRETEZZA ALLA PFW 2020

Clare Waight Keller torna a sfilare a Parigi con una collezione Givenchy Uomo “sharp”

Due collezioni presentate a distanza di pochi mesi: Clare Waight Keller torna a Parigi (dopo il debutto fiorentino di giugno) con una collezione Givenchy Uomo che non oltrepassa la comfort zone della stilista britannica.

La collezione, presentata all’interno del prestigioso Grand Salon di Parigi, mette in mostra le qualità stilistiche di Clare che, in ogni modo, non eccede per virtuosimi.

Il defilé, infatti, evidenzia una componente sartoriale molto avversa a suscitare meraviglia. Un progetto creativo, ad ogni modo, che delude solo a metà.

Ciò che è evidente, infatti, è la portabilità dei capi, eccezion fatta dei macro maglioni in tricot esageratamente over che sono abbinati a pantaloni dalla foggia contenuta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per la Keller disegnare un maschio “rigido” diventa una prerogativa. Un uomo d’affari che gradisce vestire con completi sartoriali, spesso declinati con giacche doppiopetto chiuse da una spilla da balia.

Focus anche sulle cinture dei pantaloni, in pelle e decorate da zip verticali.

Il progetto, basato su tinte monocrome, chiude con effetti sparkling su giacche e cappotti ricamati con cristalli Swarovski. Una interessante interpretazione del nuovo glamour che si affaccia nel panorama maschile.

 

La voce Givenchy è consultabile sull’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it

Un breve estratto.

“In un ritratto per Donna, Maria Pezzi scrive: “Aveva sostenuto una strenua lotta con la famiglia borghese, protestante che non poteva pensare un figlio nella piovra della moda. Aveva trovato subito, con grande fortuna, l’accoglienza dell’atelier di Jacques Fath, il più giovane, estroso, trascinante sarto del momento. Mi raccontò: “C’era un’atmosfera mondana, profumatissima, sensuale, pericolosa. Solo quando andai da Robert Piguet, più classico e soprattutto svizzero protestante, mi riconciliai con la famiglia”. I suoi occhi ridevano di humour.”

Leggi di più

 

Leggi anche

Valentino, inno all’amore alla Paris Fashion Week

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>