GIVENCHY MAN, ADDIO ALLE SFILATE CO-ED

GIVENCHY MAN, ADDIO ALLE SFILATE CO-ED

Givenchy man torna in calendario, la maison ha archiviato l’esperienza co-ed

Dopo aver sperimentato le collezioni condivise, Clare Waight Keller ritorna in calendario con due presentazioni distinte. E la Givenchy man sarà presentata il prossimo 16 gennaio, durante la settimana della moda uomo Parigina.

Cosa sta accadendo?

Voci molto vicine alla casa di moda francese ci riferiscono che la Keller stia premendo abbastanza sull’acceleratore, proponendo più di quattro collezioni l’anno.

Givenchy man, infatti, sarà presentata anche a giugno, ma diversi look sarranno esibiti durante la presentazione della collezione prêt-à-porter e Haute Couture donna, mettendo sotto pressione gli addetti ai lavori.

La presentazione co-ed.

mame moda givenchy man, addio alle sfilate co-ed. Clare Waight Keller
Un ritratto di Clare Waight Keller

La presentazione congiunta era stata collaudata da Givenchy nel 2016, anno in cui la Keller prese il posto di Riccardo Tisci, ora al timone di Burberry.

La stilista britannica si allinea, così, alla decisione di altri colleghi che hanno sposato la causa della condivisione. Tra loro: Gucci, Calvin Klein, Philipp Plein e Saint Laurent.

Ma non è il tempo della condivisione. Almeno per il momento. Tale decisione, infatti, è stata presa per dar maggior risalto alla collezione maschile che rischia di passare in secondo piano rispetto alla linea femminile.

La sfilata co-ed, infatti, catalizza maggior attenzione sul womenswear ponendo in secondo piano la linea dedicata all’uomo.

Garantire alla linea uomo una piattaforma dedicata a partire da gennaio riflette il sostegno della casa alla visione di Clare Waight Keller per il marchio “, hanno dichiarato i vertici di Givenchy.

 

Clare Waigt Keller

Stacanovista come pochi, la stilista britannica ha raggiunto il successo con Calvin Klein manel suo curriculum si leggono nomi importanti come Ralph Lauren e Gucci, dove ricopre il ruolo di senior designer dal 2000 al 2004.

Clare si distingue per un forte temperamento e un’adattabilità camaleontica. Per tale motivo il suo nome è stato spesso associato alle griffe più prestigiose.

Nel 2005, infatti, ricopre il ruolo di direttore creativo in Pringle of Scotland e nel 2011 è alla direzione creativa di Chloé. Nel 2017, infine, viene nominata direttore artistico di Givenchy elaborando le collezioni Haute Couture e prêt-à-porter uomo e donna.

Nominata nel 2007 “Designer dell’anno” nella categoria cashmere agli Scottish Fashion Awards, potrebbe ricevere “Il British Designer of the year womenswear” durante i prossimi British Fashion Awards 2018 che si terranno il prossimo 10 dicembre 2018.

 

Scopri anche

British Fashion Awards 2018, i candidati

Riccardo Tisci, nuova era per Burberry

Givenchy Haute Couture autunno 2018

 

La voce Givenchy è consultabile sul Dizionario della Moda di MAM-e.it

Aveva trovato subito, con grande fortuna, l’accoglienza dell’atelier di Jacques Fath, il più giovane, estroso, trascinante sarto del momento. Mi raccontò: “C’era un’atmosfera mondana, profumatissima, sensuale, pericolosa. Solo quando andai da Robert Piguet, più classico e soprattutto svizzero protestante, mi riconciliai con la famiglia“.

READ MORE

 

 

 

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri