,

Giorgio Armani nomina Federico Marchetti: la prima volta che un indipendente entra nel Cda

Giorgio Armani nomina Federico Marchetti: la prima volta che un indipendente entra nel Cda

Giorgio Armani nomina Federico Marchetti

Giorgio Armani fa entrare nel consiglio di amministrazione Federico Marchetti, il fondatore di Yoox e presidente e Ceo di Ynap, come consigliere indipendente non esecutivo del consiglio di Amministrazione di Armani. È la prima volta che una persona esterna al gruppo Armani entra nel Cda; finora del consiglio hanno fatto parte solo componenti della famiglia o alti dirigenti del gruppo.

Ad annunciarlo una nota della maison milanese e un post su instagram del fondatore di Yoox.

Marchetti: entusiasta di entrare in Consiglio Armani

«Sono onorato di unirmi oggi con Giorgio Armani e il suo consiglio di amministrazione e non vedo l’ora di raggiungere insieme dei grandi risultati» ha dichiarato l’imprenditore, spendendo alcune parole per l’operato del designer. «Nel corso degli anni, Armani ha definito e guidato la qualità e l’artigianalità del nostro settore, con un approccio che ha sempre promosso lo stile rispetto alla moda. Un esempio dell’eccellenza Made in Italy, non solo nei suoi prodotti, ma anche nei suoi affari – uno dei pochissimi designer che è rimasto indipendente».

View this post on Instagram

Today, in my continued capacity as Chairman and CEO of YOOX NET-A-PORTER, I’m thrilled to join the board of @giorgioarmani as Independent Non-Executive Director. Over the years Mr Armani has defined and driven quality and craftsmanship in the industry, with an approach that has promoted style over fashion. An exemplar of the excellence of Made in Italy, not only in his products, but also in his business – one of the very few designers that has remained independent and private. He has built an unrivalled legacy, but he remains a visionary. I experienced this first-hand 20 years ago, when he was among the very first to see the potential for online luxury and trusted me with his beautiful products on @YOOX and then on ‪Armani.com‬ and @MrPorterLive. This year, he has demonstrated this to the world in his profound and generous response to the COVID crisis: moving long before others and delivering a powerful manifesto for the future of the industry in an open letter to @wwd, with a close that read: “United, we will make it.” I am honoured to unite today with Giorgio Armani S.p.A. and its board and I look forward to what we will achieve together in the future.

A post shared by Federico Marchetti (@federicomarchetti) on

Chi è Federico Marchetti

Il nuovo lavoro nel Consiglio di Amministrazione di Giorgio Armani non precluderà le sue mansioni di presidente e ceo di Yoox Net-a-porter, ha precisato Marchetti sul social network. Un ruolo che l’imprenditore ravennese, classe 1969, figlio di un capo magazziniere della Fiat e di una telefonista della Sip, ricopre da 20 anni. Risale al 2000, infatti, la fondazione a Zola Pedrosa del suo colosso e-commerce moda Yoox. Partito dalla provincia, ha creato una startup quando il termine non era ancora sdoganato. Una realtà tutta italiana, che dal 2015 si è unita di nome e di fatto con il sito di luxury shopping online Net-a-porter e che nel 2018, grazie a una valutazione di 6 miliardi di dollari, è entrata a far parte del gruppo del lusso francese Richemont. E che, a oggi, conta circa 4,3 milioni di clienti in 180 Paesi.

Marchetti-Armani: Due protagonisti della moda italiani
Marchetti-Armani: Due protagonisti della moda italiani

Due protagonisti della moda italiani

A unire Federico Marchetti e Giorgio Armani è anche un passato di sacrifici: due protagonisti della moda italiani che si sono fatti essenzialmente da soli. E alla luce del successo imprenditoriale sul web del più giovane collega, è facile capire perché il designer lo abbia voluto nelle fila del consiglio della propria azienda. Ora la consulenza di un esperto dell’online per Giorgio Armani è più che mai auspicabile. Un altro modo per affrontare il contesto d’incertezza causato dal diffondersi del Coronavirus. Dal canto suo l’imprenditore romagnolo, prima del lockdown, si era detto in cerca di nuovi stimoli, tanto da pensare di lasciare il suo ruolo di ceo a Yoox Net-a-porter (salvo poi procrastinare la decisione a causa del coronavirus). Non resta che attendere per vedere i frutti di questo matrimonio Made in Italy.

GIORGIO ARMANI, PREMIO DAL PARLAMENTO EUROPEO

Yoox si fonde con Net-a-porter diventando il più grande retailer per il lusso al mondo

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Alessandro Dalai
Articoli dell'Autore / Alessandro Dalai

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>