,

GILET GIALLI – TREMA LA MODA FRANCESE

GILET GIALLI – TREMA LA MODA FRANCESE

Barricate e sommosse: i gilet gialli incutono paura e la moda non rimane immune dalla protesta

La forte protesta dei gilet gialli intimorisce i francesi tanto da scardinare ogni certezza e rivedere persino le proprie abitudini.

Le sommosse hanno avuto inizio nei primi giorni di dicembre e, a distanza di un mese, nulla sembra mitigare l’ondata di odio diffusa dai componenti del movimento.

Le notizie riportate dalle maggiori testate internazionali ci mostrano l’immagine di una Francia ferita e non solo nell’orgoglio.

Gilet Gialli - trema la moda parigina. Immagine simbolo dei gilet gialli
Immagine simbolo della sommossa dei Gilet Gialli. Sventola la bandiera francese in primo piano rispetto l’Arco di Trionfo

Blocco delle arterie principali di Parigi e città limitrofe, negozi costretti ad una chiusura straordinaria per proteggersi dall’ondata di inciviltà che Loup e i suoi compari definiscono lotta alla politica.

La rabbia parte da un serbatoio di un auto rimasto asciutto e si propaga velocemente tra i meandri buoni della città. A piedi – e neanche a farla apposta – e con in mano spranghe e taniche di benzina.


Crolla il potere di Macron, crolla l’economia di un intero Paese.

I disordini parigini hanno mietuto più vittime di quanto si credesse in un primo momento. Un pensiero figurato visto che qualcuno ci ha rimesso la vita. Dieci, per l’esattezza, le persone che dall’inizio della rivolta sono passate a miglior vita come conseguenza dei tafferugli.

Il resto delle vittime, e ci scusiamo con i famigliari dei deceduti per questo superficiale paragone, sono i commercianti.

In Francia, infatti, si registra un calo delle vendite del 30%, una percentuale notevole considerata la stagione natalizia seguita dai saldi che hanno appena avuto inizio.

La prima settimana di promozioni è stato un vero flop e la Fédération de la Haute Couture et de la Mode è stata costretta a correre ai ripari su richiesta delle grandi firme della moda parigina.

Dior Homme, ad esempio, ha chiesto e ottenuto di anticipare la presentazione da sabato 19 a venerdì 18 gennaio. Anche Loewe ed Hermès sfileranno a data da destinarsi. La loro presentazione era infatti prevista sabato 19 gennaio.

Nella capitale francese, infatti, è prevista una nuova manifestazione che incute paura agli addetti ai lavori per l’imprevedibilità dei gilet gialli.

Si corre ai ripari, in attesa di una risoluzione.

Leggi anche

Balmain, il grande ritorno nell’Haute Couture

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri