Gigi Hadid è la nuova voce dell’Enciclopedia di MAM-e.it

Gigi Hadid è la nuova voce dell’Enciclopedia di MAM-e.it

La nuova voce dell’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it è Gigi Hadid

Gigi Hadid, all’anagrafe Jelena Noura Hadid, nasce a Los Angeles, il 23 aprile del 1995. Ha iniziato la sua carriera nel 2011 con IMG Models.

  1. Una famiglia allargata
  2. Vita privata di Gigi Hadid
  3. La carriera di Gigi Hadid
  4. Comparsa nei videoclip

Una famiglia allargata

Gigi Hadid, all’anagrafe Jelena Noura Hadid, nasce a Los Angeles, il 23 aprile del 1995. Il padre si chiama Mohamed Hadid ed è un operatore immobiliare arabo-palestinese mentre la madre si chiama Yolanda Foster ed era una modella palestinese. La famiglia di Gigi Hadid è allargata, ha infatti due fratelli, Bella e Anward, più piccoli di lei con cui condivide entrambi i genitori; due sorellastre maggiori da parte del padre e cinque sorellastre da parte del nuovo marito della madre, il produttore musicale David Foster.

hadid
I fratelli Hadid

Vita privata di Gigi Hadid

Gigi Hadid ha avuto tre storie importanti: Cody Simpson, Joe Jonas, al suo fianco tra alti e bassi per due anni, e adesso l’ex One Direction, Zayn Malik. L’ultima la più importante tra le tre, la supermodella statunitense aspetta infatti una bambina dal suo compagno che nascerà nell’estate del 2020.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Gigi Hadid sarà mamma a settembre

hadid
Gigi e Zayn

 

La carriera di Gigi Hadid

Gigi Hadid ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda nel 2011 con un contratto con la IMG Models. La sceglie l’anno seguente Guess come testimonial, brand con il quale ha collaborato fino al 2015. Partecipa per la prima volta alla New York Fashion Week nel 2014 sfilando per Desigual. Nello stesso anno viene scelta da Tom Ford come testimonial insieme a Patrick Schwarzenegger per la linea di occhiali autunno/inverno. Appare sulla rivista Sports Illustrated Swimsuit Issue nel 2014 e 2015.

Nel 2014 partecipa alla Paris Fashion Week sfilando per Jean Paul Gaultier, Sonia Rykiel e Chanel. A inizio 2015 diventa testimonial di Maybelline e partecipa alle sfilate autunno/inverno 2015 sfilando per  Marc Jacobs, Chanel, Jean Paul Gaultier, Tommy HilfigerMichael Kors, Jeremy Scott, Tom Ford, Anna SuiDolce & GabbanaMoschinoMax MaraEmilio Pucci, Balmain e H&M.

La troviamo sulla copertina di Vogue Australia e nelle campagne pubblicitarie di Balmain, Topshop e Max Mara a maggio 2015. A novembre partecipa per la prima volta al Victoria’s Secret Fashion Show e la troviamo sulla copertina di Vogue Olanda.

Compare anche sulla copertina di Vogue British nel 2016 e nelle campagne pubblicitarie di Stuart Weitzman, realizzata da Mario Testino, e di quella di Versace. Sfila alla Milano Fashion Week per Versace.

Vince nella categoria Best Look agli MTV Awards del 2016 e viene nominata da Forbes al quarto posto fra le modelle più pagate al mondo.

Partecipa nel 2017 a diverse campagne pubblicitarie oltre ai contratti rinnovati con Versace, Tom Ford e Tommy Hilfiger, fa anche delle campagne pubblicitarie per Dsquared2, Max Mara, Moschino e Fendi.

Nel 2017 è la quinta modella più pagata al mondo e nel 2018 la settima. Appare nuovamente sul Calendario Pirelli nel 2019 . Nel 2020 lavora nuovamente nella campagna pubblicitaria di Max Mara e Steven Meisel.

Comparsa nei videoclip

Nel 2014 partecipa al videoclip del suo fidanzato di quel periodo, Cody Simpson, per Surfboard e per Simplethings di Manuel. Partecipa anche al video clip di Bad Blood di Taylor Swift, Flower di Cody Simpson e How deep is your Love di Calvin Harris nel 2015. Nel 2016 partecipa al videoclip della canzone Pillowtalk di Zayn Malik.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>