GABRIELE COLANGELO, UN SOFISTICATO MINIMALISMO

GABRIELE COLANGELO, UN SOFISTICATO MINIMALISMO

Il designer Gabriele Colangelo sfila, con l’omonimo brand, negli sfarzosi saloni di palazzo Reale, in una raffinata contraddizione tra gli spazi e la sua collezione minimalista.

L’intera collezione di Gabriele Colangelo per la Milano Fashion Week nasce dalla lenta elaborazione del Lumen Print, la prima vera tecnica fotografica, sperimentata più di un secolo fa.

Così il designer spiega il processo creativo:

Si tratta di una tecnica che crea un’immagine grazie all’esposizione alla luce naturale del sole di una carta sensibile, sulla quale è stato appoggiato un elemento che lascia una memoria visiva, virando però i colori. Mi piace parlare di una conversazione cromatica.

La volontà insomma di guardare al passato per reinterpretare il presente, adeguandosi ai tempi lunghi e alle attese, un tempo necessari perché l’immagine sul foglio prendesse forma.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dalla memoria temporale emerge la palette di colori tenui che caratterizza l’intera collezione. Dai toni morbidi e caldi sfuma elegantemente verso colori freddi. Il giallo pallido, l’albicocca, il sabbia si armonizzano con il greige e i toni cerulei, dal blu intenso, al glicine, all’immancabile grigio.

I tagli degli abiti sono essenziali ma strutturati. Gabriele Colangelo ama le linee pulite, i tessuti raffinati e acquosi.

Mi piace parlare di architettura fluida dove i capi mantengono la loro costruzione rimanendo però fluidi e accostati al corpo

– Gabriele Colangelo

L’architettura delle sue creazioni tocca vette di grande complessità. Utilizza la lycra che arriccia i tessuti e li trasforma in jacquard; sottrae fili che lasciano dietro di sé le frange.

Nel défilé anche soprabiti in pelle con tagli cut on, maglie, una serie di giustapposizioni tra tessuti pieni e altri eterei. I sandali in pelle annodata o in tela, a sottolineare l’artigianalità della collezione.

L’elemento must è sicuramente l’intreccio in leather che, come un intarsio, si inserisce qua e là tra i capi che sfilano.

moda: Gabriele Colangelo sofisticato minimalismo
Gabriele Colangelo

LEGGI ANCHE

La Marni SS20 studia la metamorfosi

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Susanna Ferrari
Articoli dell'Autore / Susanna Ferrari

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>