mame moda j day queen movie
Cinema,  Moda

FREDDIE MERCURY RIVIVE GRAZIE A JULIAN DAY

È Julian Day a far rivivere il frontman dei Queen: oggi al cinema Bohemian Rhapsody

Nelle sale cinematografiche dal 29 Novembre, Bohemian Rhapsody ricrea non solo uno scenario musicale indimenticabile, ma anche un ben preciso senso estetico. Dietro a tutto ciò si cela il volto di Julian Day, fashion designer inglese che ha un particolare feeling con il cinema.

Ha curato infatti anche l’immagine di Lady Gaga e Bradley Cooper nel successo A star is Born, dimostrando di saper svolgere un lavoro ineccepibile. Lavorando sulla pellicola che tratta di una delle più celebri e amate rock-band di tutti i tempi, il designer racconta di essere stato perfettamente consapevole di avere a che fare con la ricreazione di una personalità che sapeva il fatto suo. Non a caso Freddie Mercury, è anche ricordato per una frase che disse a proposito dei suoi concerti:

“It’s non a concert, it’s a fashion show.”  

mame moda julian day queen
Un’immagine tratta dal film Bohemian Rhapsody

Ricreare un mito

Julian Day non si è fatto certo intimorire da questa responsabilità non poco onerosa. Conscio del valore iconico della band, ha iniziato con ricerche via internet (il metodo più rapido all’inizio di un processo creativo), ma subito dopo inizia a visionare di persona foto, abiti e altro materiale tangibile in luoghi come l’archivio ufficiale dei Queen a Londra.

Inoltre il fashion designer è stato invitato da Brian May per prendere visione alla sua collezione privata di indumenti (alcuni appartenuti allo stesso Mercury). Ovviamente ciò ha rappresentato un profondo bacino da cui poter attingere ispirazione e trarre decisioni sul da farsi.

Da qui ha avuto inizio la ricerca nel reperire indumenti e/o accessori utili all’immaginario del film. I mercatini del vintage sono delle mete sempre gettonate e infatti Julian Day ha visitato regolarmente quelli di Londra e Parigi. Ad ogni modo sono stati anche creati una trentina di pezzi appositamente per il film e per Rami Malek, l’attore protagonista.

A sentir parlare questo designer di Freddie Mercury, si avverte una sincera ammirazione e la piena consapevolezza di star parlando di un uomo che ha cambiato qualcosa nel mondo. Day racconta:

“I think he had a very unique sense of style of his own. Whether it’s woman blouses, men’s dinne jackets he started off quite flamboyant and androgynous. He brought that look to the forefront and made it acceptable, Freddie Mercury made what was once  underground acceptable.”

Altre buone parole spese dal fashion designer in questione vanno a Rami Malek, con il quale ha avuto un buon rapporto e che sostiene essere propositivo e professionale.

Qualche curiosità

Quando si tratta di fare un film su delle vere e proprie leggende non sono poche le storie, fantasiose e non, che iniziano a circolare. Anche in Bohemian Rhapsody non mancano dei retroscena singolari.

In una delle scene il protagonista indossa una giacca di pelle bianca, acquistata da Day in un mercatino a Londra. Pare che fosse stata trovata nella casa di Jimi Hendrix quando morì. Rimane che Freddie Mercury era un vero ammiratore di Hendrix, dal quale trasse non poca ispirazione.

Un altro episodio riguarda Rami Malek. Date le differenze di proporzionalità tra lui e Mercury, i costumisti hanno dovuto fare i conti con non poche difficoltà per ricreare il più verosimilmente possibile l’immagine del cantante. Infatti, durante il montaggio del film sono stati organizzati più di quaranta fittings per conferire a Malek “the exact shape”.

 

Leggi anche

Freddie Mercury, le cinque migliori performances

Queen- il trailer di Bohemian Rhapsody

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!