EMILIO PUCCI: CREATIVI CON CONTRATTO A TERMINE?

EMILIO PUCCI: CREATIVI CON CONTRATTO A TERMINE?

Avanguardia o crisi? Emilio Pucci arruola designer esterni per il rilancio dell’immagine. E il contratto non sembra proprio dei più allettanti

Cosa c’è dietro la mossa di arruolare una serie di stilisti per il continuo di un marchio? Ad analizzare la mossa di Emilio Pucci, la risposta non sembra delle più positive.

Prima della nota Maison, che vanta alle spalle ben settantatré anni di storia, Tod’s e Moncler hanno sperimentato questa formula. A beneficiare soprattutto l’azienda di Remo Ruffini che arruola creativi come Pierpaolo Piccioli e Simone Rocha.

Puoi interessarti anche: Moncler Genius, otto menti creative per un unico progetto

Ma la strategia di Pucci non sembrerebbe una vera e propria hub di menti eccezionali, piuttosto una mossa per ripulire dalla polvere l’immagine sbiadita e senza appeal del marchio. Dopo l’addio di Massimo Giorgetti, infatti, Emilio Pucci affida la direzione creativa al team interno, indice che i “conti” non tornano.

La collezione, che sarà presentata a Milano il prossimo 20 febbraio 2020, è disegnata da Christelle Kocker che, in seguito, passerà il testimone ad un nuovo collega del quale, oggi, non si conosce fisionomia.

La storia di Emilio Pucci è consultabile sull’Enciclopedia della Moda Online di MAM-e.it

Cristelle Kocker

La Kocker, fondatrice del marchio Kokè, si dice orgogliosa di far parte di questo progetto. Le sue prime parole, infatti, sono caratterizzate da una sorta di eccitazione da debuttanti. “Questo brand vanta una straordinaria eredità. Sono sempre stata colpita dalle sue eleganti silhouette, straordinarie stampe e colori” .

La designer, ad ogni modo, sembrerebbe una “pupilla” del gruppo LVMH. Christelle, in passato, è stata premiata con un LVMH prize, riconoscimento destinato ai nuovi creativi della moda internazionale.

Dopo essersi diplomata nella prestigiosa Central Saint Martin di Londra è stata chiamata nell’ufficio stile di Dries van Noten, Bottega Veneta, Chloé e Martine Sitbon, esperienze che hanno forgiato la sua inclinazione street-couture. Esperienze professionali a cui va aggiunta anche la co-lab con Nike per il lancio di una mini collezione in occasione della Women’s World Cup in Francia.

La collezione fall/winter 2020-21 Koké per Pucci, che comprende non solo capi d’abbigliamento ma anche accessori e calzature per lei e per lui, sarà venduta a partire dal prossimo autunno.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>