Ellie Goldstein, la modella down simbolo di inclusività per Gucci

Ellie Goldstein, la modella down simbolo di inclusività per Gucci

Una modella down per Gucci. Ellie Goldstein, simbolo di una società che vuole cambiare il passo

Ellie Goldstein e Alessandro Michele: due destini che s’incrociano, una sola mission. Inclusività, le barriere si infrangono: finalmente la “diversità” non è più un handicap. Ellie è una diciottenne spigliata, a suo agio davanti l’obiettivo di David PD Hyde. Il suo compito è dimostrare che la bellezza, quella imperfetta, non è un tabù: non lo è da quando maison Gucci si è impegnata a rappresentare la disuguaglianza a partire, proprio, dai suoi eclettici show. In passerella modelli ossuti, poco proporzionati. Non proprio delle dee o degli adoni.

Un infante fetish per la Gucci Fall/Winter 2019

Protagonisti della vita vera, senza artifizi. Michele quasi a voler inviare una missiva diretta: “la bellezza non è più la miglior lettera di raccomandazione” come sostenne, Aristotele, a suo tempo.

Alessandro Michele: il mascara L’Obscur è un inno all’autenticità con Ellie Goldstein

Ellie Goldstein nell’ADV mascara Obscur di Gucci

Ellie studia spettacolo al college di Redbridge (Essex). A breve sarà protagonista della copertina di Vogue Italia. Sull’onda del successo, la ragazza che viene seguita dall’agenzia di modelli Zebedee Management, posa anche per marchi come Nike e Vodafone.

Ho progettato il mascara L’Obscur per una persona autentica che usa il trucco per per raccontare la sua storia di libertà, a modo suo“, commenta Alessandro.

Puoi consultare la voce Gucci sull’Enciclopedia di MAM-e.it

La maison fiorentina, che fa a capo di gruppo Kering, coinvolge anche due modelle di colore sostenendo la vicinanza alla comunità africana oggetto, negli ultimi tempi, di sevizie da parte dei suprematisti bianchi.

Moda e inclusività: la diversità sfila in passerella

Margaret Mazzantini disse: “Il, vero splendore è la nostra singola, sofferta, diversità“.  I riflettori si accendono sul “diverso” anche se sarebbe opportuno porci una domanda su cosa sia per noi la diversità. La moda, oggi, has il compito di insegnare al mondo che non esistono barriere, che è falso ogni diktat sulla bellezza.

Modelle curvy per Victoria’s Secret

Così, ad esempio, Victoria’s Secret, in tempi migliori, lascia sfilare le sue modelle curvy per le strade, affollate, di New York. In questo modo il marchio statunitense si difende dalle accuse di inneggiare all’anoressia.

 

Leggi anche

Black Lives Matters la moda contro il razzismo

Gucci primavera/estate 2020, la sua microfisica dei poteri

Sinéad Burke veste Giucci e lotta per l’inclusività 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>