,

Diego Della Valle continua a scommettere su Tod’s

Diego Della Valle continua a scommettere su Tod’s

Diego Della Valle continua a scommettere sul gruppo Tod’s :”When the going gets tough, the tough get going”

É questa la citazione da cui prende ispirazione lo spirito di Diego Della Valle, presidente del gruppo Tod’s, “Quando il gioco si fa duro, iniziano a darsi da fare”.

A seguito della pandemia, il gruppo quotato a Milano ha passato un periodo dove è stato messo a dura prova, infatti il titolo Tod’s è calato di quasi il 50% del suo valore. Durante il primo semestre del 2020, il gruppo ha registrato un fatturato di : 256milioni, in calo del 43%, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il presidente Diego della Valle contro ogni ipotesi di vendita

Diego Della Valle

Non mancavano coloro che ipotizzavano la vendita della società, Diego Della Valle contro ogni proposito non ha mai smesso di scommettere sull’azienda, lo dimostrano i bilanci del 2019 delle sue cinque casseforti : la Diego della Valle &C e la Di.Vi.Finanziaria, titolari del 19,4 e 50,3% della capitale della quotata. Il presidente Della Valle detiene la maggioranza delle azioni e le quote restanti appartengono al fratello Andrea e il cugino Fabrizio.

Parlando di numeri:

La quota di Tod’s in mano a Della Valle si è incrementata lo scorso anno. La società ha comprato azioni proprie per 138 milioni di euro e facendo i conti si nota che: Della Valle &C. ha in carico 44 euro sul valore nominale di ogni azione, sopra i prezzi attuali. Vanno comunque meglio le cose per l’altra holding Di.Vi dove viene custodito il grosso di Tod’s, con a carico 23,3 euro per azione.

Diego Della Valle, di recente approvando i bilanci del 2019  non ha cambiato la sua linea di prudenza, mandando a riserva i 17,5 milioni di profitto. Già lo scorso anno aveva accantonato tutti i 250 milioni di utili delle cinque holding, senza distribuire nemmeno un euro di dividendo. É stata questa rinuncia alla cedola che ha rinforzato il patrimonio di spessore che ha raggiunto: 1,3 miliardi di euro.

Il disavanzo

Il disavanzo del 2019 registrato da quattro società su cinque è il risultato di una serie di svalutazioni. Questo ci spiega perché dopo aver chiuso i bilanci del 2019 Della Valle abbia deciso di razionalizzare degli investimenti di minoranza.

Tra questi sono compresi: i parchi tematici che girano attorno a Cinecittà, centrati nella Italian Entertainment Group, dove il patron di Tod’s è da anni in compagnia di imprenditori come Luigi Abete e Aurelio De Laurentis. Nelle scorse settimane, Della Valle ha ceduto il 10% di leg (sul 34% detenuto) alla 2A Investimenti di Abete, insieme al 7,7% di Cinecittà Parchi e al 18% di Luneuer Park.

La prudenza imprenditoriale di Della Valle è stata la chiave vincente per affrontare questa situazione di difficoltà che ha colpito tantissime case di Moda. Così di è guadagnato la fiducia che le banche continuano a riservagli.

Leggi anche:

Storia di Missoni: l’amore di Rosita e Ottavio per la maglieria

Calendario Milano Fashion Week settembre 2020, tante le novità

Milano Fashion Week 22- 28 settembre: il debutto, oggi

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Redazione MAM-E
Articoli dell'Autore / Redazione MAM-E

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>