enciclopedia della moda,  Moda

Christian Dior è una voce dell’Enciclopedia della Moda

Il teatro della moda apre i battenti con Christian Dior e il suo New Look. Dal dopoguerra ad oggi: la storia della maison francese attraverso lo studio attento della nostra Enciclopedia della Moda

Christian Dior è stato definito “il dittatore garbato della moda” perché ha imposto, alle sue clienti, la sua idea di rivoluzione nel costume. Tutto ebbe inizio il 12 febbraio 1947 quando Christian, sostenuto dal magnate del cotone, Marcel Boussac (che investe sulla sua creatività ben 10 milioni di franchi), presenta alla stampa il suo nuovo look. Nello stesso anno, assieme a Salvatore Ferragamo, gli viene conferito il Neiman Marcus Oscar for Fashion.

Il suo è un revival vittoriano che, in contemporanea, si sviluppa anche sull’asse America (con Charles James) e Italia (con le Sorelle Fontana).

Come nasce la passione di Dior, per la moda? Scopriamolo attraverso l’accurata voce dell’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it, edizione 2021, in evoluzione sotto la supervisione dell’editor in chief, Stefania Carpentieri.

Richard Avedon (1923 – 2004), Dovima con elefanti, abito da sera di Dior, Cirque d’Hiver’, 1955, gelatina ai sali d’argento

La nuova Enciclopedia della Moda di MAM-e.it

A fine 2021 uscirà la nuova edizione cartacea dell’Enciclopedia della Moda a seguito dell’accordo con Intesa SanPaolo. Con oltre 4.800 voci catalogate in oltre 20 anni di lavoro consultate, giornalmente, da migliaia di persone nel mondo, l’Enciclopedia della Moda è il più autorevole strumento di ricerca nel mondo della moda. Infatti, oltre alla versione italiana sono state editate le versioni inglese e cinese con il  contributo dell’Istituto del Commercio Estero.La realizzazione è stata possibile grazie al sostegno di Pitti Immagine e Camera della Moda.

Il New Look di Christian Dior

All’interno dell’Enciclopedia sono presenti:

  • tutte le 2.800 aziende più importanti che hanno determinato la storia della moda: dai grandi marchi internazionali ai piccoli artigiani;
  • gli stilisti che hanno cambiato il mondo del fashion, dai sarti che hanno rivoluzionato il costume di inizi Novecento ai grandi couturier che hanno permesso l’evoluzione estetica di questo fantastico mondo.
  • le scuole e le università più famose in tutto il mondo;
  • i personaggi che ruotano attorno al settore come PR, giornalisti ed editori di importanza internazionale.

Potrebbe interessarti anche

Futurismo, la voce è consultabile sull’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it

Elio Fiorucci, la voce è consultabile sull’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it

Emanuel Ungaro, la voce consultabile sull’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it

L’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it: Christian Dior. Un estratto

L’iconica Giacca Bar di Christian Dior

Con la linea Corolla, ribattezzata New Look, la donna era nuovissima nella sua pronunciata femminilità e sapeva d’antico. La vita era minuscola (ricomparvero il corsetto e la guêpière, con un brusco salto all’indietro), il petto alto, le spalle minute. Le gonne erano ampie e allungate con sottogonna di tulle per accrescerne il volume.

Fu un dietro front rispetto al corpo liberato da Poiret e carezzato da Chanel. Si tornò all’eleganza aristocratica e anche alla battaglia degli orli, di collezione in collezione. In un esaltato ritorno alla femminilità, Dior lanciò immense, allungate gonne, vite strizzate in giacchini-corpetto, facendo tremare trepidanti le donne di mezza Europa. Aveva avuto un’intuizione folgorante, ma a decidere il suo destino fu l’incontro con Marcel Boussac. Il magnate francese del tessile aveva tutto l’interesse a cancellare le restrizioni del tempo di guerra in fatto di tessuti e le ruscellanti gonne di Dior avevano bisogno di 15 metri di stoffa, e ben 25 ne occorrevano per un abito da sera.” Continua a leggere.

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *