BRUNELLO CUCINELLI: URBAN CHIC A PITTI UOMO 97

BRUNELLO CUCINELLI: URBAN CHIC A PITTI UOMO 97

Il visionario Brunello Cucinelli presenta, a Pitti Uomo 97, la collezione uomo autunno/inverno 2020-21.

Un maestro del Made in Italy. Un insegnante del lifestyle. Brunello Cucinelli ritorna a Pitti Immagine Uomo 97 con una collezione che valorizza la nostra filiera produttiva, accontentando – anche – la nuova generazione di gentleman.

Applicarsi con tutte le energie per far bene ciò che si sta facendo significa non differire la vera vita al domani e non buttare il proprio tempo in occupazioni che non meritano l’impegno della nostra intelligenza“. Seneca.

L’imprenditore italiano, bandiera spiegata del fatto in Italia, impiega tutte le sue energie al fine di creare una collezione valorosa, che si impegna a ristabilire una connessione tra il bello, la praticità e il lusso. Nel pieno rispetto della sua integrità intellettuale.

E il mercato è pronto, ancora una volta,  a sostenere la sua linea. La griffe, infatti, segna un nuovo record di ricavi, chiudendo il 2019 con un netto di 607,8 milioni (+9.9%) rispetto ai 553 milioni di dicembre 2018.

La prossima stagione autunno/inverno 2020-21 sviluppa il tema dell’urban – chic attraverso una collezione dalle linee semi contenute, comode e  certamente di tendenza.

L’entrepreneur di Solomeo anche in questa occasione si dimostra attento al tema della sostenibilità. E come raccontano le cronache di questi giorni, il mondo intero si trova su una linea di demarcazione che ci limita nell’azione, consapevoli che le lancette del tempo scorrono troppo velocemente rispetto alla nostra prontezza d’agire.

Gli incendi che hanno visto protagonista prima l’Amazzonia e poi l’Australia, causati non solo dai piromani ma anche da un surriscaldamento globale incontrollato, dovrebbero essere da monito a tutti quei brand che ancora non hanno il Fashion Pact.

A Pitti Uomo 97, Cucinelli reinventa lo stile contemporaneo

Passato, presente e futuro viaggiano sulla stessa linea. Alcuna atemporalità. Il marchio umbro rievoca l’heritage classico che l’ha sempre contraddistinta rispetto ai marchi nostrani. Il lusso non passa esclusivamente dall’uso di tessuti pregiati ma dalla consapevolezza che lo stile italiano rimane inalterato in barba alle tendenze.

Funzionalità estetica diventa la chiave di lettura del nuovo classico con abbinamenti di contrasto. Focus sulle giacche che conservano un taglio sartoriale, abbinate a pantaloni cargo e maglioni in cachemire.

Anche i colori riflettono l’evoluzione della griffe.

La palette di colori, infatti, si apre con un’esplosione di tonalità calde come l’arancio, il giallo mais e il rosso melograno.

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>