,

Brunello Cucinelli torna a far suonare le campane della Torre civica di Norcia

Brunello Cucinelli torna a far suonare le campane della Torre civica di Norcia

Inaugurata l’8 dicembre la Torre Civica del palazzo comunale di Norcia dopo il restauro finanziato dal re del cashmere Brunello Cucinelli

Lo aveva promesso, Brunello Cucinelli, stilista e imprenditore umbro. Ai cittadini e ai frati di Norcia, aveva promesso un aiuto concreto e repentino per tornare a far splendere la cittadina distrutta dal terremoto. E così, a quattro anni dal terribile evento, sono stati completati i primi lavori di restauro. Le campane della Torre Civica nursina tornano a suonare.

L’imprenditore, è molto legato alla sua regione e a Norcia. La vicinanza alla realtà benedettina e la lunga amicizia con il priore americano Folson Cassian, lo hanno già spinto in passato ad aiutare la cittadina, contribuendo alle restaurazione del monastero chiuso da 180 anni.

Cucinelli e Cassian
Cucinelli e Cassian

La missione della Fondazione Brunello e Federica Cucinelli per Norcia

Fondazione Brunello e Federica Cucinelli
Brunello e Federica Cucinelli

Umanista per definizione, Cucinelli nel 2010 ha fondato la Fondazione Brunello e Federica Cucinelli. L’intento della Fondazione è quello di sostenere ogni iniziativa che valorizzi la conoscenza, la tutela del territorio e dei monumenti, la tradizione e i valori spirituali e quotidiani dell’uomo. Inevitabile dunque, accogliere la richiesta di aiuto di Norcia.

La Fondazione, con la preziosa collaborazione di Marc Benioff, CEO e fondatore di Salesforce, ha finanziato gli interventi di restauro dei tre principali monumenti nursini. Oltre la Torre Civica, infatti, sono stati avviati dei progetti per il recupero del Museo della Castellina e per la messa in sicurezza degli esterni della facciata del Teatro.

Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti il sindaco Nicola Alemanno, una rappresentanza dei monaci benedettini e l’imprenditore.

«Con grande emozione e commozione, abbiamo risentito il suono solenne delle campane e del campanone della Torre civica del Palazzo comunale che rappresenta per la nostra città uno dei simboli identitari più significativi», ha dichiarato il sindaco. Poi, ha ringraziato Cucinelli per l’attenzione e il supporto che hanno alimentato la speranza di veder ricostruita la città più bella e più sicura di prima.

L’intervento del premier Giuseppe Conte

Da Palazzo Chigi, il premier Conte ha mandato un videomessaggio durante l’inaugurazione.

«La storia di questo restauro traccia un percorso virtuoso nel solco dei valori dell’operosità benedettina e a me piace il riferimento di Brunello Cucinelli a Norcia come alla “cittadella dell’anima e dello spirito», ha dichiarato il premier.

Conte ha altresì lodato la partnership tra pubblico e privato, un tema a lui molto caro. Inoltre, ha ringraziato Brunello Cucinelli che «con la sua azienda, fiore all’occhiello del made in Italy nel mondo, ha sempre coltivato questo spirito. Rinnovato con il suo prezioso contributo alla realizzazione di quest’opera»

Ha poi concluso: «ancora c’è tanto da fare, ma siamo fiduciosi che nel 2021 il centro Italia potrà essere uno dei più grandi cantieri d’Europa. Con l’iniziativa odierna posiamo un altro mattone sul processo di ricostruzione dei territori colpiti dal sisma del centro Italia per il quale il Governo è fortemente impegnato.»

Ecco il videomessaggio del premier Giuseppe Conte.

Leggi anche:

BULGARI FINANZIA RESTAURO DI COLLEZIONE TORLONIA

BRUNELLO CUCINELLI: URBAN CHIC A PITTI UOMO 97

IL PROGETTO PER LA BELLEZZA A SOLOMEO DI CUCINELLI

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Flavia Iride
Meet the author / Flavia Iride

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>