BOTTEGA VENETA SS20, L’INEDITO ALLA MFW

BOTTEGA VENETA SS20, L’INEDITO ALLA MFW

“Un approccio immediato e diretto”: questo il corso della collezione Bottega Veneta SS20

La nuova era di Daniel Lee, nel post Tomas Maier, ha inizio con la collezione primavera/estate 2020 Bottega Veneta.

Le sue idee, dopotutto, sono chiare: il giovane stilista di origine britanniche volta le spalle al passato. L’obiettivo è ridefinire un nuovo codice estetico dopo 17 anni di successi firmati dal suo predecessore.

La collezione Spring 2020 sviluppa i codici che stiamo definendo per Bottega Veneta. Siamo concentrati sul processo e la chiarezza: un approccio immediato e diretto”, sostiene Lee.

La concretezza, infatti, pare essere il centro focale di questa collezione. Un progetto ben definito che si rivolge ad un pubblico/clientela sempre più attento alla qualità di ciò che indossa.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se graficamente, infatti, non ci sono apparenti virtuosismi creativi, la collezione vanta il pregio di finiture di alta sartorialità; un privilegio che si annida in ogni creazione della lussuosa Maison italiana.

Indossare ogni capo di questo defilé, appunto, è un vero lusso. Una mistura di conoscenza progettuale e di filati di alta gamma, che mettono il veto ad orpelli inutili.

La parola chiave, infatti, è essenzialità. Nulla può o deve essere artefatto da futili fronzoli.

La spring/summer 2020 Bottega Veneta gioca con le proporzioni e con le silhouette morbide. Ed è pensata per ogni singolo individuo.

Bottega Veneta parla di individualità, è pensata per te“, scrive Lee.

Nell’epoca in cui tutto è omologato (atteggiamenti, modi di vivere e costumi), andare controcorrente è diventata un’ambizione importante per le case di moda.

La palette di colori è audace, forte ed equilibrata con colori come il nero, il cioccolato, l’arancione, il tapioca, l’oro e il blu che ben si controbilanciano.

Focus anche sui gioielli. Ne alterano la silhouette, intrecciandosi. Il classicismo si contrappone al modernismo con tecniche raffinate: nodo, intreccio e maglia.

Scopri la voce Bottega Veneta sul Dizionario della Moda di MAM-e.it

“L’azienda italiana di pelletteria di lusso nasce nel 1966 a VicenzaBottega Veneta viene fondata da Michele Taddei e da sua moglie Laura Braggion. Dopo aver divorziato da Michele, Laura si risposa con Vittorio Moltedo e resta l’unica proprietaria dell’azienda. La prima bottega viene aperta in una villa restaurata a Montebello Vicentino, casa di alcuni dei più grandi artigiani”

Leggi di più

Leggi anche

Jil Sander alla MFW celebra il minimalismo

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>