BERTRAND GUYON: DIVORZIO DA SCHIAPARELLI

BERTRAND GUYON: DIVORZIO DA SCHIAPARELLI

Dopo quattro anni alla gruida creativa di Schiaparelli, Bertrand Guyon

Amarezza tra Maison Schiaparelli e Bertrand Guyon: divorzio in arrivo ma senza lode allo stilista francese.

La moda ci ha abituati al valzer di poltrone. Va detto. Ormai è storia comune annunciare la partenza di un direttore creativo o di uno stilista: il fashion system viaggia troppo velocemente per potersi affezionare ad un nome.

Ritratto Bertrand Guyon
Guyon by Luc Braque

Quattro anni di lodevole apporto creativo per la griffe fondata dalla romana Elsa oggi vedono conclusione con un freddo comunicato, una sorta di prestampato che salta da un ufficio stampa all’altro con una certa leggerezza dei sentimenti.

L’azienda, infatti, fa sapere: “La casa di moda Schiaparelli è grata a Bertrand Guyon per il suo contributo all’attività Haute Couture della casa, in stretta collaborazione con lo studio creativo e l’atelier di Place
Vendôme
“.

Schiaparelli, di proprietà dell’imprenditore italiano Diego Della Valle liquida, senza tanto poesia, un sarto che della “prosa stilista” ha fatto il suo cavallo di battaglia.

Bertrand, infatti, ha saputo interpretare magistralmente i codici estetici della sarta sapendone valorizzare il carattere deciso ed elegante della griffe.

In assoluta autonomia è stato in grado, infatti, a mixare passato e presente ponendo attenzione al sentimento profetico di Madame Elsa.

Schiaparelli Haute Couture SS19

Dal rosa shocking agli elementi surrealisti tradotti dal designer con segni astrologici ricamati sugli abiti da grand soiree.

Se a gran voce qualcuno reclama il nome di Alber Elbaz (ora impegnato a disegnare una capsule collection per Tod’s) la griffe, ad oggi, non ha ancora deciso chi prenderà il posto di Guyon.

La voce Elsa Schiaparelli è consultabile sul Dizionario della Moda di MAM-e.it

Elsa (1890-1973). Simbolo della più raffinata fantasia creativa, rappresenta una delle figure più importanti dello stilismo anni ’30. Nata a Roma in Palazzo Corsini da una famiglia di intellettuali, conduce una adolescenza colta e agiata. Nel 1914 a Londra conosce il conte William de Wendt de Kerlor che diverrà suo marito e con il quale si trasferirà a New York. A 25 anni, già separata con una figlia, senza un’occupazione fissa, collabora con antiquari, cercando di guadagnare qualcosa attraverso il commercio di oggetti d’arte per poter ritornare in Europa.”

Leggi di più

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>