BERLUTI UOMO, L’IPNOTICO AUTUNNO/INVERNO 2020-21

BERLUTI UOMO, L’IPNOTICO AUTUNNO/INVERNO 2020-21

Colori pop, linee asciutte, abbinamenti di tessuti calibrati con dovizia. La collezione Berluti Uomo autunno/inverno 2020-21 è la sintesi dell’eleganza 3.0

Kris van Assche, direttore creativo di Berluti Uomo, disegna una collezione autunno/inverno 2020-21 che eleva la straordinaria cultura stilistica dei francesi.

Un banco di prova, quello della Parigi Moda Uomo Fall/Winter 2020-21, che conferma la leadership delle Maison d’Oltralpe. Senza inutili colpi di scena o grilli in testa.

Gli interni prestigiosi dell’Opéra Garnier accolgono un progetto creativo altrettanto autorevole. Vessillo di un savoir-faire composto e già collaudato.

Una collezione colorful

Lo smoking gioca un ruolo di rilievo nel defilé scandito, quest’ultimo, da look maschili intervallati da fascinosi outfit femminili che si adattano al guardaroba maschile.

Sdoganato il rosa come tonalità ad uso esclusivo della donna, van Assche propone una palette di colore “egocentrica”, intervallata da colori shocking e neon.

Il gioco di contrasto non è un dettaglio: è ostinazione colta di un designer che ha trovato la sua strada in una delle più importanti griffe maschili.

Ritorna in passerella la pelle sfumata. Piacevoli effetti chiaroscurali incorniciano una silhouette ben disegnata. Ancora una volta, Berluti mette in campo tutte le sue conoscenze nel campo della concia.

La voce Berluti è consultabile sull’Enciclopedia della moda online di MAM-e.it

Un breve estratto

“Il marchio di lusso francese Berluti, famoso sopratutto per le calzature maschili, viene fondato a Parigi nel 1895. L’ideatore è Alessandro Berluti, nato a Senigallia nel 1865 e trasferitosi successivamente a Parigi dove lavora come mastro calzolaio. Verso la fine dell’Ottocento, con il crescere della sua notorietà, egli realizza calzature su commissione per molti personaggi celebri dell’epoca tra cui Isadora Dunca, Elizabeth Arden ed Helena Rubenstein.

Il primo modello di scarpa stringata della maison, chiamato “Alessandro”come il designer, viene realizzato nel 1895 e segna l’inizio del prestigio della casa Berluti. La calzatura è priva di cuciture e realizzata a partire da un unico pezzo di pelle.”

Leggi di più.

 

LEGGI ANCHE

Raf Simons sfila a Parigi con l’esercito post-apocalittico

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>