ARMANI PRIVÉ HAUTE COUTURE, L’ORIENTE A PARIGI

ARMANI PRIVÉ HAUTE COUTURE, L’ORIENTE A PARIGI

Giorgio affascinato dall’Oriente per la sua collezione Armani Privé Haute Couture spring/summer 2020

La collezione Giorgio Armani Privé Haute Couture spring/summer 2020 volge uno sguardo interessante verso l’Oriente.

Un défilé ricco di suggestioni che impressiona per la sua alta sartoria capace di mixare fascino orientale e tailoring occidentale.

A Parigi basta poco per rendersi conto della magnificenza prodotta dalla moda; quella elitaria che fissa l’obiettivo all’artigianalità e alla valorizzazione dei costumi.

Scopri anche la collezione Giorgio Armani Uomo

The King si impegna a ripagare lo sforzo comune di un Made in Italy che ha bisogno di ritrovare una sua identità e per farlo, usa come mezzo la piazza francese.

La voce Armani è consultabile sull’Enciclopedia online della Moda di MAM-e.it

L’Haute Couture, appena presentata Al Pavillon Vendôme, meravigliosamente ricorda una passata collezione della griffe italiana, presentata nel 1989. In quel tempo, Giorgio Armani utilizza l’ikat, un tessuto di origine malesiano e indonesiano che adotta su tre giacche. Stoffa che manca nelle sue collezioni da ben trentuno anni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Storia dell’Ikat

L’ikat (tradotto nuvola) è un tessuto prezioso ottenuto dalla tintura dei filati. Questa stoffa è originaria dei Paesi orientali e, in particolar modo, della Malesia e Indonesia.

Ottenere l’ikat non è sicuramente semplice. Questa tecnica centenaria viene tramandata da generazione in generazione per il suo alto valore storico-sociale.

La tintura è ottenuta tramite telaio. La tecnica più utilizzata è quella a “riserva”, ovvero la suddivisione dei filate da intingere da quelle parti che non sono destinate alla colorazione.

Un gioco – di maestria – tra ordito e trama che da secoli si tramanda, soprattutto, nella cultura induista.

L’ikat è una nuvola nella collezione Giorgio Armani Privé haute Couture 2020

Il blu come un mistero che cala nella notte parigina. Stoffe leggere come nuvole che librano nell’aria. Una bellezza raffinata che si accompagnano a eleganti abiti tubino e a giacche destrutturate che cingono la vita.

Una danza di colori unici che riflettono l’aurea incantata della donna Armani: una borghese d’altri tempi che ritorno in auge attraverso gli occhi raffinati di Giorgio.

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>