Moda

Armani alla Prima della Scala: abiti da “A riveder le stelle”

Giorgio Armani: la passione di uno stilista che incanta alla Prima della Scala. Il rosso fa riveder le stelle

Giorgio Armani alla Prima della Scala, la “prima” ( e scusate il giro di parole) in assenza di pubblico, che incanta per magnificenza con una serie di costumi di scena dai toni scarlatti. Red Passion, un’implosione di colori intensi e ancora, sinonimi di positività.

Marianne Grebasse indossa un lungo abito rosso scarlatto

The King non era presente al debutto stagionale del Teatro alla Scala di Milano. Non lo era nessuno. Eppure, l’appuntamento annuale con la lirica non è stato rimandato. Armani, il signore della moda garbata, osserva i costumi da lui disegnati davanti al televisore della sua dimora. “A riveder le stelle” apre il sipario del teatro simbolo della città meneghina spalancando le sue porte al grande pubblico, in diretta sulla Rai. Un atto coraggioso che, come spiega il regista Davide Livermore che esprime tutto il suo dissenso quando senza indugi: “Tutto l’arco costituzionale deve capire che questa è la prima azienda del Paese“. Meritati applausi virtuali. Un’ovazione che conosce il sapore della dissidenza. Un urlo contro le sorde istituzioni che hanno messo in ginocchio l’arte oratoria assieme a tutta l’industria che ruota attorno alle rappresentazioni teatrali, tra cui la moda.

Lisette Oropesa indossa un lungo abito nero con cristalli Swarovski

Potrebbe interessarti anche

Armani, Dolce & Gabbana e Valentino realizzano i costumi per la prima della Scala

Battibecco tra Zeffirelli e il Teatro alla Scala: “Vi denuncio”

3 agosto 1778: inaugurazione del Teatro alla Scala

Giorgio Armani: le donne stuprate dagli stilisti. E’ polemica

La voce Giorgio Armani è consultabile sulle’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it

Swarovski. La voce è consultabile sull’Enciclopedia della Moda di MAM-e.it

Kristine Opalais indossa un lungo abito in velluto, con matello

Per Giorgio Armani il teatro milanese, ricostruito subito dopo la guerra, è simbolo di resistenza intellettuale. Il rosso, che come il greige è diventato effigie della sua amabile eleganza, veste Marianne Grebasse che indossa un lungo abito con corpetto semirigido ricoperto da paillettes e gonna ampia a balze, indossato anche da Cate Blanchett nello spot del profumo Sì.

E ancora, Lisette Oropesa veste un long dress nero, con profonda scollatura a V e ventaglio di tulle sullo scollo. Infine, Kristine Opolais indossa un abito silhouette a sirena, in velluto, con mantello in tulle decorato da cristalli Swarovski.

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *