Moda

AL VIA PITTI UOMO 91

Alla Fortezza del Basso di Firenze, dal 10 al 13 gennaio, 1220 marchi di abbigliamento maschile sveleranno le nuove collezioni e tendenze.

Pitti Uomo giunge alla 91esima edizione, che segna uno step in avanti nell’evoluzione della manifestazione fiorentina. Con i suoi eventi e la sua geografia in continuo cambiamento, Pitti Uomo cattura le nuove vibrazioni della moda e le trasforma in progetti inediti. Il programma di eventi speciali di gennaio rappresenta un ulteriore superamento del dualismo tra fiera e fashion week, verso nuovi format che uniscono ricerca stilistica, comunicazione e concretezza per il mercato.

Protagonisti le grandi aziende della tradizione che si proiettano al futuro, i nuovi talenti del fashion design e i brand in ascesa, fino ai nuovi mondi del menswear, anche in senso geografico: dei 1220 brand presenti, 540 provengono dall’estero.

Ci saranno grandi ritorni, come quello di Paul Smith, di cui vi abbiamo già annunciato la presenza, ritroveremo, tra i nomi stranieri di spicco, Tommy Hilfiger, che presenterà la sua collezione uomo Fall Winter 2017 con una installazione ispirata all’innovazione e alla tecnologia digitale. Tra i nomi italiani, grandi realtà di respiro internazionale, scelgono questa cornice  come piattaforma per il lancio worldwide di progetti lifestyle. Z Zegna, una delle aziende più importanti del made in Italy nel mondo, torna a Pitti Uomo per l’anteprima ufficiale della collezione disegnata da Alessandro Sartori, nuovo direttore creativo, e per esprimere il suo stile unico attraverso un setting concepito per l’occasione

Menswear Guest Designer di Pitti Uomo 91 è Tim Coppens, designer belga di stanza a New York, il cui stile sta calamitando le attenzioni della comunità internazionale della moda. Finalista al LVMH Prize 2014 e vincitore nello stesso anno del CFDA Swarovski Award, Coppens presenta a Firenze – in anteprima europea, l’11 gennaio alle ore 19.30 presso l’Ippodromo del Visarno – il suo mondo che fonde tailoring, artigianalità ed athletic wear, con richiami alla street culture, lanciando la collezione uomo FW 2017/18.

Golden Goose Deluxe Brand è lo Special Project di questa edizione della kermesse: ricerca, esclusività e carattere internazionale sono i valori che distinguono il marchio lifestyle, nato nel 2000 dallo spirito creativo di Francesca e Alessandro Gallo, coppia di giovani designer veneziani, e che celebra i dieci anni della sua iconica sneaker attraverso un’installazione-evento, il 10 gennaio alle ore 19 negli spazi della Stazione Leopolda.

COTTWEILER For REEBOK è il Designer Project della manifestazione. Menswear label londinese disegnata da Ben Cottrell e Matthew Dainty, che ha messo in discussione i confini tra sportswear, fashion e streetwear, Cottweiler presenterà a Firenze in anteprima assoluta, il 12 gennaio alle ore 19 al Museo Marino Marini,  la collaborazione con REEBOK. Una capsule collection che incarna il DNA di entrambi i brand, fondendo l’heritage tecnico e culturale di REEBOK con la visione unica dello stile Cottweiler.

Grazie ad una nuova collaborazione con KOCCA, la manifestazione torna ad accendere i riflettori sui più interessanti brand sudcoreani con due sfilate, dedicate a promuovere giovani e talentuosi designer da questo Paese. In passerella alla Dogana, l’11 gennaio alle ore 12, le collezioni di BMUET(TE) by Byungmun Seo e Ordinary People.

Il tema guida dei saloni invernali sarà quello della danza, nella sua molteplicità di espressioni: espressione di sé, del proprio corpo, dell’energia e del piacere di vivere La manifesteazione interpreta la poliedrica libertà di stili personali che danza e moda contemporanea condividono, con il solito sguardo ironico e con un finger tut, nella tradizione della street dance e dei suoi contest. Allestimento a cura di Oliviero Baldini. Introduce in modo virale #PittiDanceOff, il nuovo digital art project di accompagnamento alla campagna pubblicitaria dei saloni. Regia e fotografia di Dennison Bertram, consulenza creativa di Gloria Maria Cappelletti per Cloy, produzione di Morena Russo per Connecting dot e la coreografia di Nicolò Besozzi.

Un programma esplosivo, davvero difficile da riassumere perché l’espansione della maratona fiorentina di moda e stile è inarrestabile!

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!