Milano

Scali Ferroviari – Valorizzazione e Rigenerazione di aree dismesse

Valorizzazione e rigenerazione degli ex scali milanesi. Le aree dismesse di Milano diventano nuove aree con case e parchi

Il piano di rigenerazione urbana che riguarderà Milano nei prossimi anni vede protagoniste le aree degli ex scali ferroviari da tempo dismessi. Questi sono: Farini, San Cristoforo, Porta Romana, Greco-Breda, Lambrate, Rogoredo e Porta Genova. Le aree occupano una superficie di circa un milione di metri quadri e il 65%  destinato ad aree verdi. Si tratta di uno dei più grandi progetti di ricucitura e riqualificazione cittadina in Italia ed Europa, in perfetta sintonia con l’accordo di programma firmato dal Comune di Milano, Regione Lombardia e Gruppo FS Italiane di rendere Milano “una città sempre più fondata sulla connettività di spazi, persone, opportunità e ambizioni”.

scali ferroviari dismessi
Scali ferroviari dismessi

Scalo Romana

Sotto i riflettori al momento è lo scalo Romana (190 mila metri quadri, più di 25 campi di calcio). Uno degli scali milanesi intorno al quale c’era la maggiore attesa; qui infatti verrà realizzato il villaggio olimpico per i giochi invernali di Milano-Cortina del 2026.

Lo scalo di Porta Romana va a Coima, Covivio e Prada per 180 milioni. L’ex area ferroviaria sarà occupata per la metà da un parco in chiave di sostenibilità ambientale a beneficio della collettività. Coima svilupperà il villaggio olimpico, che verrà riconvertito a social e student housing, e la parte residenziale; Covivio gli uffici; Prada si occuperà del parco e un edificio verrà adibito a uso di laboratorio.

Le bonifiche dell’area e la realizzazione del villaggio olimpico dovranno essere concluse per giugno 2025. Al momento sono iniziati i lavori per rimozione dei binari dismessi necessari per le bonifiche e per la realizzazione del nuovo tratto di linea. Ma le bonifiche vere e proprie inizieranno ad inizio 2021.

Inoltre, sono iniziati anche i lavori per la riqualificazione della vecchia stazione ferroviaria di Porta Romana, la quale verrà collegata con la vicina stazione Lodi TIBB.  Infine, c’è la possibilità che nello scalo vengano realizzati altri due grattacieli seguendo l’esempio della torre Faro.

Ex scalo Ferroviario di Porta Romana
Ex scalo Ferroviario di Porta Romana

Scalo Greco-Breda

Con il concorso Reinventing Cities, promosso dal network di città C40, è stato selezionato il progetto L’Innesto del team guidato da Investire SGR s.p.a., che agiva per conto del Fondo “Lombardia comparto Uno”. L’area verrà quindi riconvertita in un vero e proprio nuovo quartiere di housing sociale a Milano, caratterizzato da zero emissioni, case in affitto e molto verde. Il progetto ha la potenzialità e l’ambizione per diventare il nuovo showroom per le strategie di sostenibilità per la città di Milano.

Scalo Farini e San Cristoforo

Avviata procedura per l’individuazione della migliore strategia di vendita dell’area dello scalo. Il progetto vincitore del concorso è “Agenti Climatici” del team OMA e Laboratorio Permanente, progetto caratterizzato da verde e sostenibilità.

“E’ un progetto dove non c’è nulla di iconico, perché la città non ha bisogno solo di eccezionalità, ma di quartieri dove vivere”

Nello scalo Farini nascerà un parco di 25 ettari in grado di raffreddare i venti caldi e depurare l’area da particelle tossiche; così come lo scalo San Cristoforo sarà destinato ad un parco pubblico con una grande vasca di fitodepurazione. L’obiettivo è il rilancio sociale ed ecologico dell’intera area.

Scalo Lambrate

Anche quest’area è inserita nel bando di concorso C40-Reinventing Cities2. Il progetto si inserisce in un processo già in atto di riqualificazione della zona, sia dal punto di vista ambientale che urbano, ascoltando le esigenze comunali di creare connessioni verdi tra gli interventi presenti. Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo ambito urbano con la presenza di grandi aree verdi, parcheggi e lotti dedicati alle residenze. L’area sarà inoltre oggetto di una parziale modifica di perimetro per consentire la gestione della linea ferroviaria.

Scalo Rogoredo

L’area dello scalo è inserita nel bando di concorso di idee AAArchitetti cercasi promosso da Confcooperative Habitat. Il complesso è situato in una zona strategica ad elevata accessibilità, garantita dalla presenza dell’omonimo hub ferroviario, dall’accordo autostradale e dalla linea metropolitana.

Scalo Porta Genova

Anche per lo scalo di Porta Genova si svilupperanno procedure concorsuali per le stesura del Masterplan. L’obiettivo rimane quello di rispondere alle istanze di sostenibilità e connettività della cittadinanza.

 

Può interessarti anche:

Stefano Boeri ci racconta la sua visione del fiume verde

Riqualificazione Urbana: Cascina9 e NoLo Social District 

Arriva a Milano Vitae: un Vigneto Urbano

Gli scali ferroviari disegnano la Milano di domani

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *