,

MONTENAPOLEONE DISTRICT CHINESE NEW YEAR

MONTENAPOLEONE DISTRICT CHINESE NEW YEAR

L’anno del Maiale arriva a Milano con MonteNapoleone District Chinese New Year

Dal 3 al 10 febbraio 2019 città di Milano si appresta ad accogliere MonteNapoleone District Chinese New Year, l’evento – al suo debutto – organizzato da MonteNapoleone District per celebrare il calendario cinese.

Durante la manifestazione sarà possibile visitare la mostra di Liu Bolin, The Invisible Man, e assistere al forum sui driver dell’economia cinese all’epoca di Xi Jinping. Negli stessi giorni analoga celebrazione anche nel centro di Roma.

Il debutto della manifestazione va ad arricchire il palinsesto di eventi creati ad hoc dall’Associazione. MonteNapoleone District, infatti, rappresenta i più prestigiosi Global Luxury Brand al mondo presenti nelle vie Montenapoleone, Verri, Sant’Andrea, Santo Spirito, Gesù, Borgospesso e Bagutta.

Regole da rispettare e griffe aderenti all’evento MonteNapoleone District Chinese New Year

I marchi aderenti dovranno rispettare alcune regole ferree così come la clientela cinese e internazionale.

Le vetrine dei negozi dovranno essere allestite a tema con capi e accessori dedicati al Calendario cinese. Saranno banditi il bianco e il nero – per la cultura cinese sono toni luttuosi – e, al contrario, è richiesto il rosso, colore di buon auspicio.

Si consiglia di acquistare collane, cravatte e cinture solo se in coppia. Bando anche ai cappelli verdi ritenuti segno di infedeltà coniugale.

MonteNapoleone District Chinese New Year. manifesto evento
Manifesto dell’evento

Via MonteNapoleone: Bottega Veneta, Brunello Cucinelli, Bulgari, Burberry, Cartier, Damiani, Dolce&Gabbana, Ermenegildo Zegna, Etro, Falconeri, Hogan, Illy Caffè, Iwc, Larusmiani, Loewe, Marni, Moncler, Montblanc, Omega, Panerai, Prada Donna, Prada Uomo, Salvini, Santoni, Sergio Rossi, Swatch, Van Cleef & Arpels, Venini, Versace, Vetrerie di Empoli.

 E ancora, via Sant’Andrea:Agnona, Banner, Chiara Boni, Miu Miu, Moschino.

Via Verri: Canali, Piaget.

Via Santo Spirito:Agresti, Carlo Tivioli, Il Bisonte, Isabel Marant, Lanvin, Stella McCartney.

E infine Bagutta: Almini, Promemoria Romeo Sozzi, René Caovilla.

LIU BOLIN. HIDING IN THE FASHION DISTRICTS, la mostra

Dal 3 al 10 febbraio 2019 The Insibible Man allestirà una mostra fotografica lungo tutto il percorso di via MonteNapoleone.

L’iconica strada della moda milanese sarà un vero museo a cielo aperto con l’esposizione di 20 opere realizzate dal fotografo e che ripercorrono la sua poetica artistica.

Romasaranno invece le boutique di alcuni tra i più prestigiosi luxury brand ad ospitare ciascuna, dal 2 al 10 febbraio, un’opera dell’artista cinese. La mostra è realizzata grazie al supporto di Boxart, la galleria di Verona che rappresenta Bolin in Italia.

Saranno due musei, uno a Milano e uno a Roma, gli sfondi privilegiati di altrettante performance live a cui sarà possibile assistere su invito. Attraverso un accurato processo di body painting, effettuato da due assistenti, l’artista mimetizzerà il suo corpo fino a dar luogo ai due scatti finali che divengono così opera d’arte.

Il commento di Guglielmo Miani, presidente di MonteNapoleone District

“Uno degli impegni di MonteNapoleone District è quello di sviluppare iniziative volte a migliorare il sistema ricettivo del distretto nei confronti dei clienti extra europei e non solo. Oltre all’essere pionieri con WeChat, l’organizzazione di un evento per la clientela cinese, che rappresenta la nazionalità preminente tra gli acquirenti del distretto, ci consente di avvicinare le due culture guardando ad un target di alto profilo che apprezza le eccellenze del nostro paese”

L’evento è patrocinato dall’Ambasciata Cinese e da Comune di Milano.

Leggi anche

Liu Bolin a Milano per il Calendario Cinese

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri