,

Milano Design City 2020: Paolo Castelli, i suoi progetti per un design al passo coi tempi

Milano Design City 2020: Paolo Castelli, i suoi progetti per un design al passo coi tempi

Milano Design City 2020: Paolo Castelli

 

Paolo Castelli – Milano Design City

Il 28 settembre si è aperta la Milano Design City 2020: 13 giorni e più di 400 iniziative sia digitali che offline. Il capoluogo lombardo, nell’inedita versione autunnale, ospita numerose installazioni e i nomi più influenti del design internazionale. Tra questi Paolo Castelli, azienda italiana da sempre leader nel settore.

 

La storia e lo stile

Nel 1887 Ettore Castelli avvia un’ebanisteria a Bologna; tre anni dopo la bottega cambia il suo nome in Anonima Castelli. Quasi 100 anni dopo nasce la sedia Plia, sancendo il passaggio da un’ottica artigianale ad una industriale.

Il marchio si sviluppa velocemente, iniziando a ragionare in chiave internazionale. Passa prima nelle mani di Paolo Castelli, poi in quelle della famiglia Pavan, che attualmente possiede tutti i diritti di utilizzo di marchi e brevetti.

Paolo Castelli nel 1994 diventa Amministratore Delegato della Modular, nel 1995 acquista Domodinamica: dall’unione delle due nasce Paolo Castelli S.p.A.

Nel 2015 ad Expo realizza in soli 54 giorni l’arredamento di Palazzo Italia; dall’anno successivo, Paolo Castelli S.p.A. accresce esponenzialmente il suo fatturato, grazie agli store e showroom a Londra, Parigi, Montecarlo e in Cina.

Castelli Milano Design City
Paolo Castelli – Industria Italiana

Nel brand coesistono design e visione imprenditoriale sull’intero ciclo del prodotto. Ciò significa che estetica e funzionalità possiedono pari importanza: la parte creativa non può prescindere da quella concreta.

 

Proposte Milano Design City

Nel 2020 Paolo Castelli rinnova la sua presenza alla Milano Design City, con due progetti presentati presso il flagship store di via San Carpoforo 12. Uniscono la contemporaneità con le radici del made in Italy, facendo particolare attenzione alla sua unicità e distintività a livello internazionale.

 

Innovation è ispirato allo stile dei designer londinesi e parigini degli anni 20-30, con una rivisitazione in chiave contemporanea. La frase rappresentativa della collezione è “il tempo di brillare”.

Innovation è un percorso che coinvolge, valorizza e illumina gli ambienti di living, dining e zona notte.

Si tratta di un connubio tra l’essenzialità di oggi e l’eleganza di ieri, un viaggio nel tempo con una forte matrice moderna.

Castelli Milano Design City
Paolo Castelli – Inspiration

 

Greenkiss è un omaggio alla natura, una proiezione verso un futuro più verde. Paolo Castelli crea 30 prodotti eco-responsabili, volti più che all’aspetto funzionale-estetico a quello etico. Ha lo scopo di sensibilizzare, di puntare sempre più su temi legati alla sostenibilità.

Tavoli, sedute, poltrone, corpi illuminanti fanno parte della collezione, ispirata al design italiano e francese degli anni 50-70. La creatività di Paolo Castelli incontra quella dei designer Tierry Lemaire e Hubert de Malherbe, in un progetto unico nel suo genere.

Greenkiss utilizza materiali rigenerati, recuperati o frutto di una produzione controllata e rispettosa dell’ambiente.

Castelli Milano Design City
Paolo Castelli – Greenkiss

 

Apre a Milano il nuovo flagship store Iris Ceramica Group in via Santa Margherita 4. Paolo Castelli sviluppa il marchio Seventyonepercent, in collaborazione con Iris. Il brand opta per delle proposte nel settore wellness&bathroom, combinando sostenibilità, design e ricerca dell’armonia, dell’equilibrio.

Castelli Milano Design City
Collaborazione Paolo Castelli e Iris Ceramica Group – Seventyonepercent

 

Leggi anche:

I NUMERI DEL SALONE DEL MOBILE 2019

Milano Design City: Fornasetti, le sue proposte

https://www.fuorisalone.it/2020/it/designer/629/Castelli-Paolo

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Giulia Fossati
Articoli dell'Autore / Giulia Fossati

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>