Milano

DA CENTRALINE SEMAFORICHE A OPERE D’ARTE, STREET ART A MILANO

 

Occhi puntati su Milano. Da qualche mese a questa parte il capoluogo lombardo sembra aver scoperto nuovi colori, e ai cittadini e ai turisti più attenti di certo non sarà passato inosservato un insolito Giuseppe Verdi, dalla pelle del medesimo colore del cognome, disegnato in stile cubista. Un’opera non casuale, ma nata da un’idea di Davide Atomo Tinelli e Evoluzioni Urbane, dal nome Energy Box. Urban Art Renaissance Milano. La prima grande mostra a cielo aperto di street art.

Oltre cinquanta artisti di fama internazionale hanno trasformato più di centocinquanta centraline semaforiche: da semplici elementi di arredo urbano -indispensabili per il funzionamento delle città, ma non sempre esteticamente gradevoli- in vere opere d’arte.

Si  va dal rigoroso astrattismo di Rendo a quello di DADO, dallo stile informale di KayOn al realismo fiabesco di Magenta, dall’iperrealismo di Neve all’ironia iperrealista-pop di Crea e di Gattonero. Il risultato è eccezionale e sotto gli occhi di tutti: ciò che fino a ieri passata inosservato ora richiama alla vista, con colori, disegni e immagini volti a catturare l’attenzione per una nuova qualità del vivere urbano.

Un’esperienza raccontata in un libro nell’evento alla Triennale di Milano alla presenza di Filippo Del CornoNicolas Ballario di Urban Renaissance e Alberto Martinelli Presidente Fondazione AEM.

 

Energy Box. Urban Art Renaissance. Skira editore

mercoledì 10 febbraio alle 18.30

TRIENNALE a Milano

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!