NVIDIA acquista ARM per 40 miliardi di dollari

NVIDIA acquista ARM per 40 miliardi di dollari

NVIDIA e ARM: I protagonisti della seconda acquisizione più grande della storia in campo tecnologico

Ufficializzata l’acquisizione di ARM da parte di NVIDIA con un’operazione valutata 40 miliardi di dollari, ossia 33.7 miliardi di euro circa.

ARM Holdings è la società di alta tecnologia inglese responsabile per aver sviluppato la famiglia di microprocessori conosciuta come architettura ARM. La novità delle ultime ore è l’acquisizione di ARM (proprietà di Softbank dal 2016 ad oggi) da parte dell’azienda americana NVIDIA – produttrice di processori grafici e schede madri non solo per PC ma anche per console quali Play 3, la prima Xbox e Nintendo Switch.

ARM logo

NVIDIA – nasce un nuovo gigante

Con questa operazione Nvidia diventerà un’azienda completa, capace di offrire tanto chip grafici quanto processori. L’espansione delle tecnologie Nvidia all’interno di apparecchiature e prodotti ARM è il principale punto intorno al quale ruotano i piani di sviluppo. Sono passate settimane da quando sono emersi i primi rumors riguardanti l’evento, tuttavia, l’operazione non solo richiederà ancora almeno 18 mesi per essere conclusa, ma sarà anche soggetta ad approvazione da parte del governo USA. Alla fine della storia e a fronte di un tale investimento così corposo, Nvidia ha stimato un’opportunità di mercato pari a 250 miliardi di dollari. Il CEO di Nvidia J. Huang, in un’intervista a Forbes ha dichiarato:

“ciò che cambierà [a seguito dell’acquisizione] è il ritmo della nostra roadmap. Sappiamo per certo che i data center e i cloud center chiedono a gran voce il microprocessore ARM, la CPU ARM. L’efficienza energetica si traduce direttamente in capacità di elaborazione e costo del servizio di fornitura”.

J. Huang, CEO Nvidia

NVIDIA acquista ARM – cosa rimane invariato?

Nonostante l’assorbimento da parte di NVIDIA, la famiglia ARM non subirà trasformazioni drastiche. La sede rimarrà a Cambridge, pur godendo di un nuovo polo di ricerca per l’intelligenza artificiale finanziato dall’azienda madre; rimarranno invariate anche la brand identity di ARM e le proprietà intellettuali che continueranno ad essere registrate in UK. Inoltre continuerà ad operare con un sistema di licenze aperte, probabilmente in modo da non allontanare nessun partner commerciale dopo l’acquisizione.

Nvidia TITAN Xp

NVIDIA acquista ARM con una strategia vincente

Come prima cosa Nvidia emetterà 1 miliardo e mezzo di dollari in azioni a beneficio dei dipendenti ARM, come parte di una strategia di fidelizzazione apparentemente vincente. Quali sono i vantaggi conseguenti all’acquisizione? Tramite la disponibilità di proprietà intellettuali e talenti ingegneristici prima non raggiungibili, Nvidia potrà sviluppare architetture CPU personalizzate per usi specifici. Questa mossa avrà effetto positivo anche per quanto riguarda il livello di fiducia dei data center.

“Questa unione ha incredibili benefici per entrambi le aziende, i nostri clienti e l’industria. Per l’ecosistema ARM, la combinazione aumenterà le capacità di ricerca e sviluppo di ARM e amplierà il suo portfolio di proprietà intellettuali con le GPU e la tecnologia di intelligenza artificiale di Nvidia”

-J. Huang, CEO di Nvidia

Nvidia ha programmato per oggi, 14 settembre 2020, un webcast dove verranno discussi i dettagli sull’acquisizione. Di seguito il sito web delle Investor Relations di Nvidia.

LEGGI ANCHE:

5 OGGETTI HI-TECH PER RESTARE CONNESSI IN VIAGGIO

Computer… prêt-à-porter

Xbox Series S: Microsoft colpisce ancora! Questa volta però anche i dipendenti

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Redazione MAM-E
Articoli dell'Autore / Redazione MAM-E

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>