“PASSIONS” DI NICOLAS SARKOZY INFIAMMA IN LIBRERIA

“PASSIONS” DI NICOLAS SARKOZY INFIAMMA IN LIBRERIA

L’ex monsieur le President du France, Nicolas Sarkozy, convince in liberia. Il suo Passions piace ai lettori

Potrebbe essere accusato di corruzione ma ai francesi continua a piacere, tanto che il suo ottavo libro – una sorta di autobiografia – registra un forte successo di vedite. Nicolas Sarkozy torna alla luce della ribalta. Sebbene sia stato estromesso dalla politica.

Per Sarko, dopo aver perduto l’immunità – e mai era accaduto nella storia della Quinta Repubblica francese – arriva una piccola rivincita. Una sorta di rivalsa accompagnata da un’autobiografia che tocca tematiche politiche e private.

Le “Passioni” dell’ultimo vero leader della destra francese sono scritte nero su bianco su un volume di 360 pagine, editate da Éditions de Observatoire.

Copertina Passions. Nicolas Sarkozy
Passions. L’autobiografia di Sarko

Nicolas racconta, senza tener conto della cronologia dei fatti, ciò che più l’ha colpito durante i suoi cinque anni di mandato all’Eliseo, dal 2007 al 2012.

E ancora l’amore, quello turbolento con Cécilia Attias, tradita e abbandonata da Sarkozy per una nuova relazione, quella con l’ex modella italiana naturalizzata francese, Carla Bruni.

E se di donne si parla, l’ex presidente francese dedica un breve pensiero anche all’attuale Première Dame Brigitte Macron, ritenuta una donna piacevole e intelligente.

L’attenzione, poi, si sposta sull’attuale presidente francese, Emmanuel Macron graziato, a suo dire, più dalla fortuna che dal duro lavro.

Insomma, Passions, che dal lancio in libreria avvenuto il 27 giugno 2019 ha venduto oltre 213 mila copie, pare sia la lettura preferita dai francesi. Almeno sotto l’ombrellone.

Per Nicolas Sarkozy, un oratore apprezzato all’ombra della Tour Effeil, è giunto il momento della rivincita. Una gloria che potrebbe vedere, all’orizzonte, minacciose nubi della giustizia riversarsi sulla sua persona.

L’ex presidente, infatti, avrebbe corrotto un alto magistrato della corte di Cassazione che risponde al nome di Gilbert Azibert. Un primato, per nulla lusinghiero, ottenuto pur di avere informazioni segrete da Azibert circa l’accuse di aver accettato pagamenti illeciti per la sua campagna presidenziale del 2007.

Al centro della polemica, Liliane Bettencourt, l’ereditiera del colosso L’Oréal e benefattrice di Sarko.

Leggi anche

Il lato segreto di Alfred Hitchcock

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>