donald trump social media
Hi Tech,  Lifestyle

Donald Trump social media: le nuove app di ultradestra

Donald Trump social media: dopo il blocco di Parler compaiono nuove app di ultradestra

La piattaforma social in voga nell’estrema destra Parler è stata bloccata da Amazon e, ad oggi, resta inagibile. Dopo il blocco dell’account Twitter dell’ex presidente USA Donald Trump, i sostenitori repubblicani più accaniti stanno cercando nuove piattaforme per discutere a ruota libera (troppo) di argomenti delicati, senza tralasciare pensieri d’estremismo. Ancora problemi per Donald Trump social media.

social pro trump

Donald Trump social media. Dopo Parler arrivano MeWe, Gab e Rumble

Dopo l’assalto a Capitol Hill dello scorso 6 gennaio, Amazon ha deciso di disabilitare i server che ospitavano Parler, social frequentato per la maggior parte da fanatici dell’ultradestra a stelle e strisce. Tuttavia la risposta dei fruitori del servizio non si è fatta attendere: altre piattaforme sono salite alla ribalta per l’ultradestra americana. Esse sono MeWe, Gab e Rumble, che al momento restano ancora disponibili nei negozi online di Google e Apple e che possono essere scaricate liberamente. Due, in particolare, i loro punti di forza:

  • Assenza di pubblicità, manipolazione del flusso di notizie e riconoscimento facciale;
  • Rispetto maggiore (rispetto a Facebook, ad esempio) di privacy e dati personali.

social pro trump

L’utilizzo è quello “classico”. Gli utenti possono chattare, caricare foto, commentare post e condividere contenuti multimediali. Ma da dove nascono queste piattaforme?

  • MeWe: creata nel 2011 ha oltre 5 milioni di utenti. Inizialmente non nasce per la destra ultranazionalista, ma molti utenti di questo fronte politico hanno iniziato a iscriversi dopo che Facebook ha avviato una dura campagna contro le fake news riguardo il vaccino per il Covid-19.
  • Gab: altro sito diventato popolare tra gli utenti che vogliono una totale libertà di espressione, con un taglio prevalentemente politico. Fondato da Andrew Torba nel 2016, è molto simile ad altre piattaforme come Twitter e dichiara di avere 3,7 milioni di visitatori mensili nel mondo. Moltissimi nuovi utenti si stanno aggiungendo nelle ultime ore.
  • Rumble: social incentrato sui video (quasi una TikTok targata USA) che afferma con fierezza che gli utenti non saranno mai censurati per contenuti politici o scientifici. Ha iniziato ad avere rilevanza dopo l’elezione di Biden e dopo che Google ha bloccato alcuni contenuti.

 

LEGGI ANCHE: 

Lezioni a distanza che salvano spose bambine: premiato il “miglior insegnante del Mondo”

Migliori videogiochi 2021: come passare il tempo in casa, dal telefono al pc

Lo Youtuber più ricco al mondo: si chiama Ryan Kaji ed ha 8 anni

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *