,

GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMOFOBIA

GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMOFOBIA

Oggi, 17 maggio, si celebra la Giornata Mondiale contro l’omofobia 2018. Un’iniziativa che mira a eliminare pregiudizi di ogni sorta, con la speranza di costruire una società migliore.

Perché si celebra la Giornata Mondiale contro l’omofobia?

mame attualità GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMOFOBIA mani
Stop all’omofobia!

Violenze, pregiudizi, decreti legislativi incompleti, minacce, insulti, cambio di genere e difficoltà nelle unioni civili. Per tutti questi motivi, celebriamo oggi la Giornata Mondiale contro l’omofobia. E non solo: tutti, a prescindere dall’orientamento sessuale e dal genere, meritano di vivere in un mondo che rispetti i loro diritti. Inoltre, il 19 maggio si terrà una campagna contro l’odio omofobo in Piazza della Scala a Milano. La manifestazione ha lo scopo di chiedere una legge efficace contro la omotransfobia, cioè il fenomeno di denigrazione contro chi cambia sesso. La comunità LGBTI+, soprattutto, si impegna quotidianamente nella lotta contro pregiudizi, violenze e ingiustizie. Ma non basta: tutti i cittadini devono dare il proprio sostegno alla causa per la parità di diritti e opportunità. In questo modo, aiuteremo la nostra società a evolversi per il meglio. E questo sarà un vantaggio per chiunque, senza distinzioni.

Un’Italia che ha bisogno di cambiare

mame attualità GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMOFOBIA support
LGBTI+ sostiene i profughi che chiedono asilo politico

Purtroppo, la strada da percorrere verso la parità di diritti è ancora lunga. La legge specifica contro il reato di omofobia (legge Scalfarotto) è ferma in Senato dal 20 settembre 2013. Eppure, la Camera ha già dato la sua approvazione. Se tale decreto venisse ufficialmente approvato, chi commette atti omofobi rischierà fino a diciotto mesi di carcere. E, se questi atti andassero oltre le minacce e gli insulti verbali, sarebbe prevista una pena di quattro anni di reclusione. In più, la stessa punizione sarebbe inflitta a chi partecipasse a movimenti o associazioni che istigano alla violenza e al pregiudizio.

Inoltre, nell’estate 2017 è stato registrato un episodio di transfobia o omofobia ogni tre giorni. Ma il problema non si limita a ciò: secondo recenti analisi statistiche, il 25% degli italiani ritiene che l’omosessualità sia una malattia. Ecco, dunque, il quadro della situazione: il nostro paese è ancora afflitto da una mentalità retrograda, bigotta e omofoba. Ma non per questo bisogna associare l’Italia all’omofobia. Moltissimi altri italiani, infatti, lottano ogni giorno contro bullismo, violenze, false credenze e pregiudizi. E questi italiani vogliono pari diritti per tutti i loro concittadini. Questi italiani vogliono educare i loro figli al rispetto verso l’altro, all’equità, alla giustizia e all’empatia. Non dimenticate: tutti abbiamo bisogno di essere uguali davanti alla legge e davanti alla società. Tutti abbiamo bisogno di combattere i pregiudizi. E, di conseguenza, di combattere l’omofobia.

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Denise Lo Coco
Meet the author / Denise Lo Coco

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>