, , ,

GENERAZIONE Z: LA NUOVA SUPER CREATIVITA’

GENERAZIONE Z: LA NUOVA SUPER CREATIVITA’

Talento e creatività della Generazione Z.

Si affaccia al mondo l’iper connessa ed iper espressiva Generazione Z, un vulcano di creatività in piena eruzione.

Quando diciamo Generazione Z, ci riferiamo a quella che succede i Millennials, ovvero al segmento di giovani nati tra il 1995 e il 2010.

Si tratta della fascia di giovani maggiormente esposta alle futuribili escalation digitali e mutazioni culturali collaterali che ci attraversano.

Alcuni nomi sono Remi Riordan, Pryanka Paul, Vonny Lorde, Leia Immanuel e una miriade di altri ancora.

Goddess by Priyanka Paul 17 anni
Goddess di Priyanka Paul 17 anni

Come si forma la creatività della Generazione Z.

Infatti, masticando i social media come una lingua madre e sfruttando un bagaglio tecnico di supporti creativi open e piattaforme imprenditoriali sempre più ottimizzate, la Generazione Z rimescola e rinnova forma contenuti e scopo della propria arte.

In particolare, questo bagaglio, si compone di primi rudimenti d’intelligenza artificiale e di strumenti creativi per immagini, come Snapchat o molti altri, mediatici o anche vere e proprie piattaforme imprenditoriali, reperibili su web o store del telefono.

La famigliarità con questa multi-disciplinarietà digitale lascia spazio al loro talento, marcatamente utilitaristico, dato che, molti di loro, stanno già costruendo imperi economici.

Per le generazioni precedenti, cerniere tra analogico e digitale, la conquista di una così immediata corrispondenza tra ideazione e messa in circolo sul web incontra più attriti.

Priyanka Paul
Priyanka Paul 17 anni

L’arte che cambia forma e diventa anche rendimento economico.

Invece la mutazione culturale che distingue la Generazine Z e la sua brillante creatività, è una visione piu ampia, più saggia, composta di sensibilità artistiche, funzionali ed economiche.

Sono influencer o redattori di e-zines, definendo nuovi panorami visivi, monetizzando ed edificando lobby per le loro cause, da cui derivano nuovi flussi di reddito. 

La Generazione Z tra futuro e passato.

Tuttavia, se l’avanguardia strumentale in cui sono immersi, li proietta al futuro, l’atto espressivo in cui fondamentalmente si cimentano, li radica saldamente ad un passato di cui tutti siamo eredi.

Da sempre, nella necessità di travalicare l’intimo confine che sagoma ognuno di noi, percorriamo le possibili tensioni comunicative, per arricchirci dell’incontro con gli altri e quindi con noi stessi.

Sembrerà assurdo ma non vige una sostanziale differenza tra l’uomo della grotta di Chauvet e un ventenne d’oggi, che si esprime e divulga ciò che lo ammalia, avvantaggiandosi di linguaggi video, foto, audio, link o altro, in preda ad un cyber sinestesia. Così, allo stesso modo, lasciano una traccia, seppur transitoria, di noi.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Silvana Petrelli
Articoli dell'Autore / Silvana Petrelli

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>