,

GARBAGE CAFÈ IN INDIA: LA PLASTICA SALVA DALLA FAME

GARBAGE CAFÈ IN INDIA: LA PLASTICA SALVA DALLA FAME

Il primo Garbage cafè in India, ha aperto pochi giorni fa nella città di Ambikapur. Un modo nuovo e apparentemente semplice per combattere la fame ed eliminare i rifiuti.

UNA NUOVA IDEA DI GREEN FOOD

L’idea che questo Garbage cafè indiano propone è quella di offrire un pasto completo al prezzo di un chilo di plastica da riciclare o una colazione abbondante pagata con 500 grammi di bottiglie.

L’intenzione di sopperire al bisogno di cibo per metà della popolazione indiana, ben si sposa con l’obiettivo virtuoso di combattere l’eccesso di rifiuti che invadono le strade delle città. Portando quindi un chilo di spazzatura, il Garbage cafè offrirà ai bisognosi un piatto abbondante di riso, curry, lenticchie e focaccia di papadum. A colazione invece verranno offerti samosa, ciambelle di lenticchie e focacce ripiene.

Garbage cafè in India
Tipico piatto della cucina indiana con curry e lenticchie

LA PLASTICA SALVERÀ DALLA FAME

Proprio l’amministrazione della città ha preso in carico questo progetto, ispirandosi a proposte simili nate in Belgio e in Cambogia.

La gestione dei rifiuti solidi della Ambikapur Municipal Corporation sta avendo successo e ripulendo la città. Abbiamo elaborato una nuova disposizione secondo cui se qualcuno porta un chilogrammo di plastica, riceverà cibo gratis e con mezzo chilo di plastica, farà colazione gratuitamente. Abbiamo chiamato questo “Garbage Cafe”.

– Il sindaco di Ambikapur, Ajay Tirkey

Il piccolo punto di scambio è stato realizzato all’interno di una ex pensilina degli autobus: una struttura in legno rinforzata al suo interno da bottiglie di plastica e vetro, anch’esse riciclate. A lavorare al Garbage cafè sono principalmente donne, per favorire l’inclusione sociale.

UN PROGETTO LUNGIMIRANTE

Il Garbage cafè aperto in India fa parte di un progetto più ampio di impegno per la salvaguardia dell’ambiente, che coinvolge anche il Primo Ministro indiano. Narendra Modi, Primo Ministro dal 2014, ha preso l’impegno di eliminare tutta la plastica monouso entro il 2022.

La situazione dei rifiuti in India
La situazione dei rifiuti in India

Nella realtà più piccola della città di Ambikapur, l’amministrazione locale ha dato inizio ad un programma di raccolta differenziata porta a porta. Nello stesso tempo, dal recupero della plastica tramite il Garbage cafè, la città guadagna circa 20 mila euro al mese, vendendo i rifiuti alle società private.

COSA NE SARÀ DELLA PLASTICA RACCOLTA?

La spazzatura tolta dalle strade ed acquistata dalle società, tornerà a nuova vita. Le aziende trasformeranno infatti il materiale in granuli utilizzati per la pavimentazione stradale e per realizzare infrastrutture in plastica.

La tecnica usata per creare la pavimentazione non è nuova in India: nelle aree rurali più di 34 mila kilometri di strade sono stati riqualificati con questo materiale resistente alle calde temperature del Paese.

“SII IL CAMBIAMENTO CHE VUOI VEDERE NEL MONDO”

Questo il motto del Garbage cafè in India.

Garbage cafè in India

Più di metà della popolazione indiana – composta da 1,4 miliardi di persone – è in condizioni di indigenza; i tassi di denutrizione infantile sono spaventosi e un quarto del carico globale della fame nel mondo è concentrato nelle regioni indiane.

Ci auguriamo quindi che questo piccolo progetto possa essere l’inizio di un cambiamento. Che possa creare un gioco virtuoso di rinascita e riqualificazione, in un Paese grande e sofferente, ma ricco di profumi e colori.

Qui, un progetto di food a impatto zero!

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Susanna Ferrari
Articoli dell'Autore / Susanna Ferrari

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>