Riapre "Il Cavallino" di Maranello con Bottura in cucina
Food,  Lifestyle

Riapre “Il Cavallino” di Maranello con Bottura in cucina

Il 15 giugno ci si potrà nuovamente sedere nello storico locale dove Enzo Ferrari pranzava ogni giorno.

 

L’idea originaria di riportare “Il Cavallino” di Maranello agli antichi splendori nasce da Sergio Marchionne, John Elkann e Massimo Bottura. Il Cavallino nero è quello rampante che tutto il mondo identifica con la casa automobilistica fondata da Enzo Ferrari. Ma è anche il nome del ristorante, di fronte allo storico stabilimento di via Abetone Inferiore, che ha rinnovato gli spazi dove lo stesso patron, sin dagli Anni 50, riceveva a pranzo i collaboratori, i clienti e gli amici più stretti, nella sala privata.

 

Riapre Il Cavallino di Maranello con Bottura in cucina
Il giardino è uno degli angoli più belli de “Il Cavallino” di Maranello

 

Un simbolo della leggenda

Il Ristorante Cavallino è un simbolo della leggenda Ferrari fin dal 1942, anno in cui furono rilevati i terreni di fronte alla fabbrica con la piccola casa colonica, che venne prima utilizzata come mensa, spogliatoio e sede di formazione per la manodopera, e in seguito, nel 1950, ufficialmente aperta al pubblico come locale.

Qui non solo Ferrari riceveva a pranzo i suoi collaboratori, i clienti e gli amici più stretti nella sala privata, ma era proprio qui che amava guardare il Gran Premio della domenica. Dal Cavallino sono passati tutti i piloti e i tecnici della Scuderia, i grandi collezionisti della Rossa e i rivali in pista come Jackie Stewart, che adorava il posto.

Nel 1984, Ferrari lo cedette all’imprenditore Beppe Neri, che aveva un rapporto di lavoro con la scuderia ed era grande amico del figlio Piero. Dopo la morte del padre, a occuparsi del ristorante sono state le figlie della famiglia Neri: Cristiana, Clementina e Chiara.

 

Riapre Il Cavallino di Maranello con Bottura in cucina
Qui non solo Ferrari riceveva a pranzo i suoi collaboratori, i clienti e gli amici più stretti nella sala privata

 

India Mahdavi

A Maranello, India Mahdavi, che è designer e scenografa, ha immaginato di valorizzare lo stile di vita italiano a partire dall’identità storica del luogo, una vecchia casa colonica della Pianura Padana che ora si annuncia – oltre il cancello col Cavallino nero – con la sua nuova facciata rossa.

All’interno, tra le sale e il giardino, l’architetto ha riletto tutti i tratti distintivi della tradizionale trattoria italiana (quindi tanto legno, pavimento in cotto, sedute in paglia), fondendoli con l’immaginario del mondo Ferrari. Il risultato è un ambiente dalle linee pulite, giocoso quanto basta, audace in certi dettagli. In tavola, invece, arriveranno piatti che omaggiano la famiglia Ferrari, come l’idea – in fase di studio – che ricorda i maccheroncini in salsa rosa che Lina Lardi, moglie di Enzo, era solita preparare per i pranzi della domenica in famiglia. Le sale, per quanto riviste, sono costellate di cimeli di ogni tipo. Praticamente una collezione di memorabilia all’interno di un ristorante.

 

Ferrari_Cavallino_
Una delle sale interne del ristorante rivisitato da India Mahdavi

 

Massimo Bottura e Il Cavallino di Maranello

Lo chef tristellato descrive il Cavallino come

“una nuova prospettiva e un nuovo modo di far vivere la cucina modenese. Come sempre guarderemo al passato con enorme rispetto, ma rileggeremo la tradizione in chiave critica e mai nostalgica. Come in Francescana, proietteremo il meglio del passato nel futuro”.

Bottura arriva a  Il Cavallino di Maranello per fare ciò che gli riesce meglio: esaltare le proprie origini, la modenesità che lo lega alla scuderia e la grande cucina italiana; il tutto condito dalla sua tipica  creatività che è il fulcro del suo lavoro incessante di interpretazione della realtà, del territorio e di chi lo vive.

 

Riapre Il Cavallino di Maranello con Bottura in cucina
Bottura e la sua squadra si confrontano con un  altro grande marchio del made in Italy

 

Il nuovo Cavallino accoglierà gli ospiti con la freschezza di uno spazio moderno, dando loro al contempo l’opportunità di respirare le atmosfere che hanno caratterizzato quasi 75 anni di Ferrari sin qui. E l’obiettivo del team dell’Osteria Francescana è quello di rendere questo processo coerente con la storia del brand e piacevole per chi si siede a tavola. Bottura e la sua squadra si confrontano con un  altro grande marchio del made in Italy, dopo la fortunata collaborazione con Gucci, che procede spedita tra l’Italia e il mondo, terzo ristorante del gruppo dopo Firenze e Los Angeles.

 

Leggi anche: Massimo Bottura ambasciatore ONU di buona volontà

Massimo Bottura lancia l’e-shop con FRANCESCHETTA58: i suoi prodotti a casa in tutta Italia

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *