PERNIGOTTI: LA LEGGENDARIA AZIENDA CHIUDE

PERNIGOTTI: LA LEGGENDARIA AZIENDA CHIUDE

A Novi Ligure si chiude

Nella sede storica di Novi Ligure, la ditta Pernigotti decide di chiudere la produzione ma pare abbia intenzione di mantenere il marchio. Un’azienda dal DNA italiano e a carattere profondamente storico, fondata nel 1860, ma che nel 2013 era stata acquisita dal gruppo Toskoz di origini turche. Nella sede in questione erano attivi 200 dipendenti, di cui la metà rischia il licenziamento. Anche se da tempo si vociferava su una possibile chiusura, la notizia è giunta ieri in maniera ufficiale da parte dei direttori del marchio. La reazione è stata immediata, tanto che in data odierna è previsto un incontro tra i sindacati e Rocchino Miliere, sindaco di Novi Ligure. Il segretario della Flia-Cgil di Alessandria, Marco Malpassi, dichiara:

“Appena arrivata, la nuova proprietà aveva promesso il rilancio e aveva parlato di affiancare nuove produzioni ai dolci per le ricorrenze. Invece la Pernigotti ha sempre chiuso in perdita.”

Pernigotti: la leggendaria azienda chiude
Alcuni dei dolciumi firmati Pernigotti che hanno fatto storia.

Cosa accadrà a Pernigotti

L’ipotesi più accreditata è che il marchio rimanga, ma la produzione venga spostata all’estero come di fatto lo erano già state alcune linee, di cui appunto labmanifattura era stata trasferita in Turchia. Secondo questo piano perciò, sarà quest’ultima a detenere definitivamente il controllo sulla produzione dei dolciumi.

Purtroppo così se ne va dal nostro paese un’altra realtà che nella storia del cibo italiano ha lasciato un segno forte.

Leggi anche

Dinara Kasko: il design commestibile

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Alberto Cappellaro
Meet the author / Alberto Cappellaro

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>