,

FESTEGGIAMO L’ANNO DEL MAIALE A TAVOLA

FESTEGGIAMO L’ANNO DEL MAIALE A TAVOLA

Con i festeggiamenti che prendono il via oggi si apre, per il calendario cinese, il nuovo anno. Il 2019 sarà l’anno del maiale o del cinghiale: che cosa comporterà in generale questo cambiamento? Il maiale o cinghiale è un segno tutto sommato conservatore, amante dei piaceri della vita, di quelli della buona tavola e del sesso, attento al benessere materiale. 

Ed è della buona, anzi eccellente cucina cinese (come farne a meno in questi giorni!) che vogliamo parlarvi. Per festeggiare l’anno del maiale a tavola vi segnaliamo due ottimi ristoranti e un hotel per un’aperitivo speciale.

In Cina i festeggiamenti per il Capodanno cinese durano circa per 2 settimane. Perché il nuovo anno sia positivo e proficuo, sulla tavola non mancano mai i 7 cibi portafortuna: il pesce, simbolo di prosperità, i tangyuan, palline dolci di riso che rappresentano la famiglia unita, il niangao, la torta di riso glutinoso che promette un salario più alto e un’ottima carriera lavorativa, e la pasta lunga, simbolo di longevità. Infine, i mandarini, gli involtini primavera e i ravioli che portano ricchezza.

Gong Oriental Attitude

Gong Oriental Attitude

Questo bellissimo e scenografico ristorante nasce nel 2015 da un’idea di Giulia Liu. Giulia è nata in Cina, precisamente a Wenzhou, nella regione dello Zhejiang. Dopo aver vissuto diversi anni in Emilia Romagna, si trasferisce a Milano dove i genitori aprono il primo ristorante cinese a Milano che ripensa la tradizione dei dim sum cinesi con ingredienti di altissima qualità. Seconda di tre fratelli che a Milano hanno altri due ristoranti di successo: Ba Asian Mood e lo stellato Iyo.

Nel 2015, insieme al marito Lorenzo, decide di aprire il ristorante Gong, con l’idea di far conoscere una nuova cucina cinese rivisitata in chiave internazionale. 

Per festeggiare al meglio l’anno del maiale a tavola, gli chef di Gong Keisuke Koga e Guglielmo Paolucci  hanno deciso di preparare un piatto speciale dal forte valore simbolico che sarà in carta per tutto il mese di febbraio.  Si tratta delle tagliatelle di riso arricchite dal ragù di cinghiale.

Gong – Tagliatelle di riso al Ragù di Cinghiale

Ma perchè è un piatto simbolico? Lo abbiamo chiesto a Giulia Liu, proprietaria del Gong: “Le tagliatelle, che sono una pasta lunga, simboleggiano la longevità e il cinghiale è la nostra scelta gourmet per richiamare l’arrivo dell’anno del Maiale”. 

Si tratta di una portata squisita e raffinata che richiede, però, per la sua preparazione, tempi lunghi e grande abilità. Noi di Mam-e ne abbiamo la ricetta ma il nostro consiglio (data la difficoltà di esecuzione) è di gustarlo nell’atmosfera del Gong.

L’interno del Bon Wei

Bon Wei

Questo elegante ristorante contemporaneo propone alcune delle specialità più importanti delle varie cucine cinesi con un’uniformità e una continuità di assaggio esemplari. Si passa, con piatti sempre impeccabili, dalla delicatezza dei piatti di pesce dello Zhejiang – che è la terra d’origine dei proprietari -, alle piccantezze dell’ovest, dai sapori forti del nord ai grandi piatti del Guangdong.

Dal 4 al 17 febbraio 2019 il ristorante Bon Wei festeggia l’anno del Maiale a tavola con un menu all’insegna di rosso (hong) e tradizione. Un menu studiato in abbinamento ai vini di Cuzziol GrandiVini.

A proposito, sapete perchè le feste per il Capodanno sono accompagnate da canti, urla, fuochi d’artificio e  soprattutto dall’uso del colore rosso? L’origine di questa festa risale ad un’antica leggenda che racconta di un mostro, Nian, che era solito uscire dalla sua tana una sola volta all’anno per mangiare esseri umani: unico modo per salvarsi era spaventarlo con rumori forte e il colore rosso, di cui aveva terrore.

Bon Wei – Maiale agropiccante

Ma torniamo al nostro menu di capodanno proposto dallo chef Zhang Guoqing. Si inizia con l’Hong Tang, cioè la Zuppa Rossa con manzo stufato nel vino, pomodorini, patate, carote, sedano e anice stellato. A seguire i dim sum..tanti perchè più se ne mangiano e più si guadagna nel nuovo anno. Poi gli Niang, gnocchi di riso anch’essi beneauguranti. Naturalmente immancabile il Maiale agropiccante, straccetti di lonza di maiale saltati con peperoni rossi, funghi Mu-Ehr e bambù. E, dulcis in fundo, i Tangyuan, polpette dolci di riso.

Mandarin Bar e Bistrot

Mandarin Oriental

Per tutta la settimana il rito milanese dell’aperitivo si sposa con l’Oriente al Mandarin Oriental  dove tutte le sere, da oggi al 10 febbraio, si può gustare il cocktail The Oriental Boar.   Di cosa si tratta? il cocktail è a base di Johnnie Walker blue label, sciroppo salato al Lapsang Souchong, vermouth infuso alle foglie di cacao e bitter alla liquirizia. Il tutto accompagnato da alcune delle più tipiche specialità cinesi rivisitate dallo chef come spring roll, dim sum, merluzzo ed edamame. Da provare!

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Bruna Meloni
Articoli dell'Autore / Bruna Meloni

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>