IL MERCATO EDITORIALE IN ITALIA NEL 2018

IL MERCATO EDITORIALE IN ITALIA NEL 2018

Com’è andato il 2018 per l’editoria libraria italiana? Gli ultimi dati e i confronti.

Secondo i dati del 2018 il mercato editoriale porta il libro ad essere la prima industria culturale in Italia, mentre per quanto riguarda l’editoria europea, ci posizioniamo quarti in classifica.

Tuttavia i dati rivelano anche un altro fattore: quest’anno il fatturato segna un – 0,4%. C’è da dire che il 2018 è stato, in generale, un anno di rallentamento economico, il che ha portato inevitabilmente anche il mercato librario a una battuta di arresto.

Dove si comprano i libri in Italia

In Italia i libri si acquistano ancora, per la maggior parte, nelle librerie.

Nello specifico, le percentuali sono: il 69% di acquirenti compra nelle librerie, di cui il 7% nelle grandi catene. Percentuale in calo se si pensa che nel 2017 superava l’8%.

Alle librerie online spetta il 24%, in crescita, stavolta rispetto all’anno precedente.

Spinge ancora sull’acceleratore il mercato degli ebook, anche se più debolmente rispetto agli anni passati, aggiudicandosi un 5% e raggiungendo quota 67 milioni di euro.

Quanti sono gli italiani che leggono?

Parliamo di persone. Parliamo di chi, i numeri del mercato editoriale, li fa.

Gli italiani che hanno letto almeno un libro lo scorso anno sono 29,8 milioni. Di cui il 62% afferma di leggere solo su carta e l’8% solo ebook o audiolibri, anche questi in crescita.

Per il restante 30%, più accomodante, il supporto di lettura è indifferente, quello che conta è leggere.

Tirando le somme, in Italia quasi il 66% degli italiani legge, prendendo in considerazione una fascia di età compresa tra i 14 e i 75 anni.

Ma bisogna osservare un altro dato, quello dei lettori forti.

In Italia ci sono circa cinque milioni di lettori forti

Proprio così, e sono loro a trascinare il mercato librario bene o male.

Chi sono i lettori forti? Quelle persone che leggono più di un libro al mese e, quindi, più di 12 all’anno. Se questi lettori si sommano a quelli che dichiarano di leggere tra i 7 e gli 11 libri annui, si noterà che il 36% dei lettori italiani generano il 68% di libri venduti. Praticamente, un mercato che si basa su pochi clienti fidati.

L’età di riferimento del mercato editoriale

Tra i 4 e i 9 anni, legge ben il 91% dei bambini.

Per quanto riguarda i ragazzi tra i 10 e i 14 anni, la percentuale scende all’88%.

Tra i 45 e i 55 l’asticella si abbassa, fino a segnare un 72%, per terminare poi con un 23% tra i 65 e i 75 anni.

Chi ha detto che in pensione si ha più tempo per leggere?

La promozione della lettura in Italia

Ieri, alla scuola per librai di Umberto ed Elisabetta Mauri, il presidente dell’AIE (Associazione Italiana Editori) Riccardo Franco Levi ha commentato evidenziando l’esigenza di un piano di politiche volto al sostegno della richiesta e della promozione della lettura.

Da prendere come esempio la 18app e #ioleggoperchè, sostenuta invece dall’AIE.

LEGGI ANCHE:

I LIBRI CHE HANNO PERSO I DIRITTI D’AUTORE NEL 2019

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Arianna Giampietro
Articoli dell'Autore / Arianna Giampietro