GEORGES SIMENON, LA PENNA DI MAIGRET

GEORGES SIMENON, LA PENNA DI MAIGRET

Leggere Simenon: un incontro col commissario Maigret

Georges Simenon nasceva a Liegi il 13 Febbraio 1903. Ammirato da scrittori di fama mondiale,  era un autore estremamente prolifico: scriveva a ritmi serrati, nel corso di una giornata poteva arrivare a 80 pagine. Poi ai lettori consigliava di consumare in fretta il libro, perchè “non si può consumare una tragedia a puntate”. Diversamente da Agahtha Christie, che usa largamente il colpo di scena e l’imprevisto, il romanziere belga punta piuttosto all’emozione, al dolore e alla fragilità umana.

Commissario Maigret, in persona

Nella sua lunga vita Simenon ha scritto più di 400 libri gialli – ovviamente non tutti della stessa qualità. Protagonista per eccellenza dei suoi racconti polizieschi è il commissario Jules Maigret, un personaggio destinato a cambiare il modello classico del romanzo giallo. A differenza del giallo all’inglese, in cui prevalgono i delitti perfetti e gli investigatori infallibili, nel romanzo di Simenon è senz’altro l’uomo a prevalere. Lo stesso commissario Maigret, per quanto acuto, non è infallibile nè affascinante: è un uomo comune, abitudinario e riservato.

georges simenon

I colleghi cercano invano di scoprire il metodo Maigret per risolvere i casi. Lo vedono ruminare, chiuso in se stesso e severo: poi esce, si reca sul posto, va a scoprire i dettagli e le persone coinvolte, parla con loro e cerca di comprenderle. Questo è il segreto che Simenon ha rivelato a Maigret: che gli uomini vanno capiti, non giudicati. Bisogna: ” Entrare nel loro mondo senza stupirsi, tranquillamente, parlare con naturalezza il loro linguaggio”.

Letture consigliate

Pare che in un’intervista, alla domanda di Paris Rewiew: “Quale libro salverebbe tra i suoi?”  lo scrittore belga abbia risposto con semplicità: “nessuno”.  Non è dello stesso parere André Gide, uno dei più grandi fan di Maigret, che per avvicinarsi a Simenon consiglia ogni libro. Sono comunque tra i più celebri: Maigret and the Yellow Dog (1931), The Cat (1967) e The Bottom of the Bottle (1977).

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Alessandro Dalai
Articoli dell'Autore / Alessandro Dalai

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>