Interviste

Il TERREMOTO PROSSIMO VENTURO

Il dato acquisito dopo l’ultimo terremoto è che l’italia è per buona parte a rischio sismico.

Terremoto: questa scomoda realtà non può essere ignorata semplicemente sperando che le scosse di assestamento cessino consentendo l’opera di ricostruzione.

A parte l’emergenza abitativa e lavorativa che coinvolge migliaia di persone che hanno perso casa, lavoro ed attività produttive un punto delicato è quello dell’enorme patrimonio culturale, vero giacimento di risorse, soggetto a danneggiamenti e crolli in alcuni casi totali.

E’ possibile intervenire su edifici e monumenti di interesse storico culturale in modo preventivo senza attendere il prossimo terremoto?

Abbiamo fatto questa domanda all’Ingegnere Stefano De Cerchio della società SCE Project che ha progettato molti interventi per il recupero di strutture civili ed ex-industriali soggette a vincoli delle Sovrintendenza delle Belle Arti (a Milano il recupero della Fabbrica del Vapore, La Villa reale di Monza, ristrutturazione Ex Hotel Duomo, Il Teatro Nazionale).

“Certo, è possibile intervenire prima che accada qualcosa di irreparabile o di non sopportabile dalla struttura di un edificio storico, così come si è determinata anche con l’usura del tempo.

Per poter decidere se sia possibile ottenere, con interventi mirati, un miglioramento o un adeguamento ai criteri antisismici è necessario una vera e propria radiografia dell’edificio che consideri materiali utilizzati, verifica strutturale, sistema di costruzione, anzianità.

Solo dopo un esame scrupoloso finalizzato a stabilire che intensità sismica è in grado di sopportare l’edificio è possibile programmare un intervento.

Le tecniche sono varie e devono essere utilizzate con lo scrupolo di un sarto che confeziona un vestito su misura. Consolidamento delle fessure, irrigidimento dei solai anche in legno per non appesantire la struttura, utilizzo di materiali simili a quelli originali, consolidamento delle fondazioni ed altro ancora.

Pur consci di quanto sia difficile stabilire con certezza il livello di sicurezza che si può raggiungere anche con interventi mirati.

A tal fine occorre considerare che ormai i test di resistenza di edifici storici o soggetti a vincoli delle Belle Arti stanno diventando un elemento importante anche per le assicurazioni e nelle trattative di compra vendita.

Gli interventi, come è facilmente intuibile, hanno costi assai elevati e per i privati che investono in restauri ed azioni preventive non è previsto un particolare beneficio fiscale e di fatto sono assimilati alle normali ristrutturazioni delle abitazioni civili.

Un intervento legislativo in tal senso sarebbe auspicabile”

Questa realtà è toccabile con mano nelle Marche dove, per esemplificare, la popolazione di San Severino Marche che conta circa 10mila abitanti, registra un 60% della popolazione che ha perso la casa.

In aggiunta nel Duomo di San Severino a causa del terremoto c’era stato un distacco di stucchi e intonaci nella zona del coro: distacco che potrebbe continuare mettendo a serio rischio il coro ligneo del Quattrocento, sottostante, una delle opere più preziose della zona.

Piccoli gioielli marchigiani come Camerino, Montelupone, Pievebovigliana, San Ginesio, Sarnano, Urbisaglia, Visso, Acquaviva Picena e Ripatransone certificati con la Bandiera arancione, il riconoscimento Touring che premia la qualità turistica e ambientale dei piccoli borghi dell’entroterra, sono danneggiati o addirittura distrutti.  E a questi si aggiungono Norcia e Vallo di Nera, in Umbria, e Leonessa e Labro, nel Lazio che sono l’ombra di quello che erano con danni epocali al patrimonio monumentale.

Questo è ciò che evidenzia il puntuale servizio del Touring Club Italiano con un intervista a suo Console Francesco Rapaccioni, avvocato di San Severino Marche e direttore artistico dei teatri di San Severino. Per leggere l’intervista completa questo è il LINK AL TOURING CLUB ITALIANO.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!