Archivio

Will e Kate, i reali preferiscono i borghesi: nozze miste

Will e Kate, i reali preferiscono i borghesi

Non è mai stata tanto d’attualità la fiaba di Cenerentola.
Vanno di moda le nozze miste come quelle di Will e Kate.

Fino a qualche decennio fa i matrimoni reali erano pianificati e ci si sposava per ragion di Stato. Oggi invece la caccia al principe azzurro è più democratica, aperta a tutte le fanciulle anche se non sono di nobili casati. Ed è proprio questa la storia che porterà la borghese Kate Middleton sull’altare col principe William. Quello di Kate, figlia di un imprenditore che si è fatto da solo e di una mamma hostess, è l’ultimo di una serie di esempi.

Oltre Will e Kate

Altro matrimonio misto è quello che verrà celebrato il primo luglio tra Alberto II di Monaco e l’ex campionessa di nuoto Charlene Wittstock. Le due donzelle, Kate e Charlene, seguono di un solo anno le orme di Daniel Westling, che ha sposato nel giugno 2010 la principessa Victoria di Svezia, dopo averle fatto da personal trainer.

Chi rimane esempio dell’estrema libertà di aver fatto diventare principessa chi gli pareva è stato Haakon Magnus di Norvegia. Nell’agosto del 2001 riuscì a sposare Mette-Marit Tjessem Hoiby che non solo non era aristocratica, ma in più era un’ex frequentatrice di droga party, con un padre alcolizzato ed uno zio condannato per spaccio. Ed era una ragazza madre che come dote portò al principe di Norvegia un figlio, Marius, di quattro anni, avuto da un pregiudicato.

E la lista si allunga: nel 2004 il principe ereditario di Danimarca Frederik Andrè Henrik, ha detto sì alla bella manager Mary Donaldson; Guglielmo Alessandro d’Olanda ha scelto l’argentina Maxima Zorreguieta, la figlia di uno dei ministri della dittatura del generale Vileda. Nello stesso anno Felipe di Spagna sposò la rampantissima giornalista tv Letizia Ortiz, detta la ‘plebeya’, con un nonno tassista e la mamma infermiera-sindacalista.

Nel 2003 il Principe del Belgio Laurent sposò l’inglese Claire Coombs, esperta immobiliare e Vittorio Emanuele di Savoia sposò Clotilde Coreau, giovane e bella attrice parigina della banlieue, incinta al sesto mese di gravidanza.

Per non parlare di chi ha rinunciato al trono per amore. È il caso del principe Johan Friso che nel 2004 annunciò che alla corona d’Olanda preferiva la fidanzata Mabel Wisse Smith, le cui equivoche amicizie borderline con la malavita hanno suscitato scandalo in patria e l’hanno costretto a una scelta drastica.

Tutto suona molto fiabesco, ma sorge un dubbio: se i reali non programmano più a tavolino le loro nozze, non è che, invece, a programmarle siano proprio i borghesi che oggi sono più calcolatori dei principi nell’acquisire e moltiplicare, tramite nozze oculate, patrimoni considerevoli?

Leggi anche

La vera storia di Lady Dior, la borsa di Lady Diana Spencer

Lady Diana

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!