Frears contro Tony Blair

Stephen Frears, presente al Festival di Taormina con tre film, si è mostrato ancora una volta ironico nei confronti delle istituzioni del suo paese. Durante la conferenza stampa, il regista di Relazioni pericolose non ha perso l’occasione di dedicare qualche pensiero gentile a Tony Blair e alla famiglia reale: «Tony Blair? È come un bambino. Una persona che non è cresciuta. Aspettiamo tutti che decida di diventare adulto». Proprio come il protagonista della sua nuova pellicola, un ragazzo appassionato di pop-rock, in perenne crisi e stravolto dal rifiuto della responsabilità, una prerogativa «tipicamente maschile». E la famiglia reale? «Basta guardare Carlo: è rimasto anche lui un ragazzino. Il nuovo film del regista inglese, Alta Fedeltà , è tratto dal best seller di Nick Hornby. Il film, prodotto tra gli altri dall’attore John Cusack, è ambientato a Chicago (e non a Londra, come il romanzo) e uscirà nelle sale italiane il 7 luglio. Una sorpresa: Bruce Springsteen appare in un cammeo, breve ma intenso. Almeno di lui Frears parla più che bene: «È una persona timida, gentile, un uomo della strada. È stato toccante incontrarlo». (m.d.)

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Meet the author /