Archivio

Diotima e la suonatrice di flauto

L’atto scenico tratto dal testo di Ida Travi, in scena alla Palazzina Liberty di Milano
La Palazzina Liberty di Largo Marinai d’Italia, a Milano, che ha ospitato in passato le incandescenti messe in scena di Dario Fo e Franca Rame, ospita giovedì 8 novembre alle 21 Diotima e la suonatrice di flauto, una produzione Teatro Scientifico -Teatro/Laboratorio, in collaborazione con Poetica. Lo spettacolo è tratto dal testo di Ida Travi (che firma anche la regia), pubblicato nel 2004 da Baldini Castoldi Dalai editore.

Travi, poetessa con una speciale predilezione per il teatro, è partita dal Simposio di Platone, immaginandone un seguito imprevisto: la suonatrice di flauto che aveva allietato la festa fra amici (tutti maschi), viene allontanata dal cenacolo quando il gruppo, con al centro il saggio Socrate, decidono di parlare d’amore. Nel giardino, la musicista incontra Diotima, donna di Mantinea, che Socrate stesso chiamava sua maestra, anch’ella esclusa dalla discussione. Le due, intessono perciò i loro destini in un percorso fra gli ulivi, ondeggiante fra tragedia e commedia.

La debuttante Marika Goldoni è la suonatrice, Isabella Caserta è Diotima, mentre Jana Balkan recita la parte della nutrice. A comporre il coro, che affianca l’azione, sono Anna Benico, Elisa Bertato, Ilaria Favè, Cinzia Gamberoni, Michela Zanetti. Le musiche sono di Andrea Mannucci. L’ingresso è gratuito. Presenta la serata il poeta Giancarlo Majorino.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!