Cousin, Jean il Vecchio

Cousin, Jean il Vecchio. Pittore francese, incisore e disegnatore, attivo a Sens e dal 1538 circa a Parigi. Ebbe una carriera di successo come pittore e disegnatore di vetrate a piombo e *arazzi, ma sopravvivono poche opere a lui attribuibili con certezza.

L’unica opera certamente documentata consiste in tre arazzi di una serie sulla vita di San Mamete, commissione che accettò nel 1543 (due si trovano nelle cattedrale di Langres, per la quale furono tessute, l’altra al Louvre di Parigi).

Anche il dipinto Eva prima Pandora (Louvre) gli può essere attribuito quasi con certezza poiché l’attribuzione risale al tempo della sua vita, e due vetrate a piombo della cattedrale di Sens sono tradizionalmente considerate sue. Nel 1560 pubblicò un trattato sulla prospettiva.

Una storia simile è quella del figlio Jean il Giovane (?Sens 1525 ca-?Parigi 1595 ca), pittore e incisore: anch’egli lavorò a Sens e a Parigi e ai tempi godette di un’ottima reputazione, ma anche al suo riguardo la documentazione è molto scarsa.

Il suo dipinto più importante è Il giudizio universale (Louvre); pubblicò anche un libro di disegni di *emblemi intitolato Livre de fortune (1568, Institut de France, Parigi) e nel 1595 un libro sul disegno della figura umana, Livre de pourtraicture, che ebbe diverse edizioni e rimase nell’uso didattico fino al XIX secolo.

Il lavoro del padre e del figlio mostra una forte influenza italiana ed è interessante per la sua indipendenza dall’allora dominante stile della scuola di *Fointanebleau.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Alessandro Dalai
Articoli dell'Autore / Alessandro Dalai