John Constable
Dizionario Arte

Constable, John

John Constable

Constable, John. Pittore inglese che condivise con il contemporaneo Turner la fama di più grande paesaggista inglese. Entrambi portarono nuova libertà e inventiva nei loro soggetti ed ebbero un civile rapporto di mutuo rispetto. Tuttavia i loro temperamenti e successi furono molto diversi e le due carriere furono fortemente in Constable fu lento nella maturazione ed ebbe difficoltà a crearsi un nome in Inghilterra (fu infatti più apprezzato in Francia).

contrasto.

Se Turner ottenne precocemente fama e successo economico, John e Constable figlio di un prospero commerciante di cereali e fu educato per intraprendere una carriera nell’azienda di famiglia. Tuttavia la sua passione per l’arte era molto forte, e nel 1799 il padre accettò a malincuore la sua iscrizione alla Royal Academy di Londra. Continuò a studiare lì fino al 1802 e in questo periodo ricevette lezioni personali dall’amico George Beaumont (che aveva incontrato per la prima volta nel 1796).

Tuttavia imparò di più copiando

Tuttavia imparò di più copiando le opere dei grandi maestri del passato, e ciò lo rende in un certo senso un autodidatta.

Continuò a vivere a Londra, ma trascorreva molto del suo tempo dipingendo nella sua terra di nascita (oggi conosciuta come Constable country) e nel 1809 si fidanzò con Maria Bicknell, figlia del rettore dell’East Bergholt. La famiglia della sposa non vedeva di buon occhio la coppia, per via del poco successo della carriera di Constable, ed egli non riuscì a sposare Maria fino al 1816, quando la morte del padre lo rese economicamente più sicuro.

Carro da fieno - John Constable
Carro da fieno – John Constable

Il matrimonio fu molto felice, ma Maria morì di tubercolosi nel 1828 lasciando Constable emotivamente devastato e con sette bambini da allevare. Nel 1824 la sua opera più nota, Carretto di fieno che passa un guado (1821, National Gallery, Londra), vinse la medaglia d’oro al Salon di Parigi, ma solo nel 1829, ormai ultracinquantenne, John Constable fu eletto, con una maggioranza minima, membro della Royal Academy.

Nel 1833, inorgoglito dalla sua nuova posizione, iniziò a tenere lezioni sulla pittura di paesaggi, mostrando una conoscenza impressionante così come un amore smisurato per il soggetto. Nonostante le sua capacità di oratore lo aiutassero a consolidare la sua reputazione, alla sua morte il suo successo era ancora moderato. La biografia del suo amico C.R. Leslie, pubblicata nel 1843, contribuì a creare la sua fama dopo la morte.

Tuttavia imparò di più copiando

La prima produzione d Jhon Constable fu fortemente influenzata da Gainsborough (anch’egli nativo del Suffolk) e dai paesaggisti olandesi del XVII secolo (ammirò particolarmente Van Ruisdael). Tuttavia cercò sempre di comunicare le sensazioni che provava di fronte alla natura, comunicando, per usare le sue parole “luce, rugiade, brezze, fioriture”.

Come in letteratura il suo contemporaneo William Wordsworth rifiutò ciò che i suoi predecessori chiamavano ‘dizione poetica’, così egli si staccò dalle convenzioni pittoriche dei paesaggi del XVIII secolo, affermando: “Correvano dietro all’immagine e ricercavano una verità di seconda mano”.

Infatti pensava che “non esistono due giorni uguali, nemmeno due ore; nemmeno sono mai esistite due foglie di un albero uguali dacché il mondo è stato creato”. A differenza di Turner, che viaggiò molto, Constable non si recò mai all’estero, e le sue opere migliori riguardano i luoghi che più conosceva e amava, in particolare il Suffolk e Hampstead (a quei tempi un villaggio a nord di Londra), dove visse dal 1821.

Per rendere i cambiamenti climatici e le variazioni della luce abbandonò i metodi tradizionali di sfumatura. Li sostituì con una pennellata grezza e vigorosa, a suggerire lo scintillare del sole, i movimenti delle nuvole nel cielo o la drammaticità delle tempeste.

A molti contemporanei la sua opera appariva incompleta, ma tra gli altri Heinrich Füssli lodò la freschezza del suo approccio: C.R. Leslie però ricorda di avergli sentito dire: “Mi piacciono i paesaggi di Constable; è sempre pittoresco, con colori raffinati, e la luce si trova sempre nella giusta posizione; ma mi fa venire in mente l’impermeabile e l’ombrello”.

Constable lavorò moltissimo all’aperto

Constable lavorò moltissimo all’aperto, producendo numerosi schizzi a olio, ma le opere definitive venivano prodotte in studio. Per i lavori più ambiziosi (che chiamava six-footers) adottò l’inusuale tecnica di eseguire uno schizzo a misura definitiva, che in epoca recente sono stati apprezzati più delle opere finite per la loro pennellata forte e libera (lo schizzo a grandezza definitiva di The Hay Wain si trova al Victoria & Albert Museum di Londra, che possiede la più vasta collezione di opere di Constable, la maggior parte delle quali è stata donata dalla figlia).

John Constable - The Hay Wain
John Constable – The Hay Wain

In Inghilterra Constable non ebbe nessun reale successore. I molti imitatori (tra cui il figlio Lionel, 1825-1887) tornarono piuttosto alle composizioni formali più che agli schizzi dal vero. In Francia, tuttavia, esercitò un’influenza fondamentale sui pittori romantici come Delacroix e i membri della scuola di Barbizon.

Nascita: East Bergholt 11-06-1776;
Morte: Hampstead 31-03-1837

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!