Blunt, Anthony
Dizionario Arte

Blunt, Anthony Storico dell’arte e spia britannica.

Blunt, Anthony. Storico dell’arte e spia britannica. Fu direttore del Courtauld Institute of Art dal 1947 al 1974, sovrintendente ai dipinti del re (e poi della regina) dal 1945 al 1972,

Blunt, Anthony. Storico dell’arte e spia britannica. Fu direttore del Courtauld Institute of Art dal 1947 al 1974, sovrintendente ai dipinti del re (e poi della regina) dal 1945 al 1972. Uno degli studiosi più attivi nel cercare di inserire la storia dell’arte tra le discipline accademiche in Gran Bretagna. La sua carriera è costellata di riconoscimenti, ma nel 1979 cadde in disgrazia (al punto da perdere il titolo di cavaliere). In quest’occasione venne rivelata la sua attività di spionaggio per l’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale.

Blunt non si scompose di fronte allo scandalo suscitato, e continuò a dedicarsi all’attività critica per il resto della vita. Nel corso degli anni Trenta aveva scritto diversi articoli sull’arte contemporanea, esprimendo una visione marxista più tardi ripudiata, ma dopo la guerra le sue pubblicazioni trattarono principalmente l’arte e l’architettura italiana e francese dei secoli XVI e XVII, e fu riconosciuto tra i maggiori critici di Poussin.

Tra i suoi libri: Le teorie artistiche in Italia: dal Rinascimento al Barocco (1940), Arte e architettura in Francia: 1500-1700 (1953), L’arte di William Blake (1959) e Alla scoperta di Roma barocca (1982). Suo fratello Wilfrid (1901-1987) fu capo disegnatore a Eton dal 1938 al 1959, curatore della Watts Gallery a Compton dal 1959 al 1985 e autore di numerosi libri sull’arte e su altri argomenti, tra cui si ricordano The Art of Botanical Illustration (1950) e England’s Michelangelo (1975), una biografia su Watts.

Nascita: Bournemouth 1907;
Morte: Londra 1983

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!