AMEDEO MODIGLIANI PITTORE,SCULTORE, DISEGNATORE

 

 

 

 

Pittore, scultore e disegnatore italiano, Amedeo Modigliani fu attivo soprattutto a Parigi. Nonostante abbia trascorso quasi tutta la sua carriera in Francia, le radici del suo stile affondano in Italia, attraverso lo studio dei maestri del rinascimento.

E spesso visto come l’erede spirituale di Botticelli per la grazia lineare delle sue opere e i suoi nudi sdraiati continuano la tradizione iniziata da Giorgione e Tiziano.

Parigi

Si trasferì a Parigi nel 1906.

A parte le visite alla famiglia in Italia e un anno trascorso a Nizza e Cagnes (1918-19), vi rimase per il resto della sua vita e divenne una figura abituale dei caffè e della vita notturna di Montmartre.

All’inizio venne influenzato profondamente da Cézanne, dal quale imparò molto sulla semplice dignità della composizione e sull’attenzione sottile alle armonie cromatiche.

Nel 1909 incontrò Brancusi e sotto la sua influenza si dedicò soprattutto alla scultura in pietra fino al 1914, quando la guerra rese impossibile il reperimento del materiale. Riprese così a dipingere e produsse i quadri più belli negli ultimi cinque anni della sua breve vita.

La varietà delle opere

La varietà delle  opere di Amedeo Modigliani, sia scultoree che pittoriche, è limitata: delle circa ventiquattro sculture che ci sono pervenute, quasi tutte sono teste e i dipinti raffigurano in gran parte nudi femminili.

Comuni praticamente a tutte le opere sono le forme stilizzate, estremamente allungate, e un superbo senso di ritmo vitale, ma c’è una grande differenza di stati d’animo tra, per esempio, le sculture (Testa, 1911-12, Tate, Londra), che hanno la forza primitiva delle maschere africane cui si ispirava.

I nudi nella loro prorompente sensualità (Nudo sdraiato, 1919, MoMA, New York),  vennero censurati per il loro esplicito erotismo (l’unica personale che gli fu dedicata in vita, alla Galleria Berthe Weill a Parigi, nel 1917, venne chiusa dalla polizia a causa dell”oscenità’ delle opere esposte)

La prematura morte di Modigliani per tubercolosi , affrettata dal suo stile di vita notoriamente sregolato; la sua compagna, Jeanne Hébuterne, incinta del secondo figlio, si suicidò il giorno dopo la sua scomparsa.

La prematura scomparsa

A quel tempo Modigliani stava cominciando a farsi un nome tra i cultori dell’arte moderna, ma era sostanzialmente sconosciuto ai più; la sua fama postuma si affermò grazie a una mostra allestita alla Galleria Bernheim-Jeune, Parigi, nel 1922, e a una vivace biografia scritta dal poeta e critico André Salmon (1881-1969) nel 1926 André Salmon (1881-1969)una biografia

la reputazione

La reputazione di Modigliani come uno degli artisti più originali della sua epoca è oggi consolidata, ma la sua fama resta comunque legata al suo personaggio di bohémien per eccellenza: nell’immaginario popolare è l’archetipo del genio romantico, morto di fame in una soffitta, vittima della droga e dell’alcol, incallito donnaiolo e pittore e scultore ossessivo.

Nascita: Livorno 12-07-1884; Morte: Parigi 7309

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Alessandro Dalai
Articoli dell'Autore / Alessandro Dalai