Dizionario Arte

Wotruba, Fritz

Il più importante scultore austriaco del XX secolo. La sua eccezionale bravura gli valse un grande successo fin dagli inizi della carriera, quando le sue opere furono esposte a una mostra di opere austriache a Parigi nel 1929; si racconta che Aristide Maillol si rifiutò di credere che quelle sculture fossero state eseguite da un ragazzo di 22 anni. Wotruba scolpiva direttamente la pietra, preferendo materiali duri dalla superficie grossolana. Le prime opere mostrano uno stile naturalistico che ricorda Maillol; in seguito Wotruba si mosse verso l’ astrattismo, riducendo i soggetti a pure essenze. Il suo approccio è simile a quello di Brancusi, ma a differenza dell’armonioso, sottile astrattismo di quest’ultimo, le opere di Wotruba sono figure solide, simili a grandi blocchi di materia, spesso lasciata a uno stato ancora grezzo che crea un senso di forza primitiva (Figura femminile, 1947-48, Middelheim Open-Air Museum of Sculture, Anversa). Lavorò anche il bronzo (Standing Man, 1949-50, Tate, Londra) e realizzò numerose opere pubbliche; dal 1959 iniziò a occuparsi di allestimenti teatrali, realizzò per esempio i costumi per una rappresentazione de L’anello del Nibelungo di Wagner a Berlino nel 1967. Negli ultimi anni si avvicinò all’architettura, progettando la chiesa della Santa Trinità nei sobborghi di Vienna (costruita nel 1974-76). Dopo la seconda guerra mondiale insegnò all’Accademia di Vienna e la sua arte fu apprezzata e imitata da molti giovani artisti austriaci, favorendo così un rinnovato interesse per la scultura nella nazione. Nascita: Vienna 1907; Morte: Vienna 1975

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!